Luglio 17, 2013

Sofia Prada

NREL presenta la cella fotovoltaica efficiente dal fondo in oro

Il National Renewable Energy Lab (NREL) annuncia di essere riuscito a raggiungere il 31,1% di efficienza in una cella fotovoltaica a doppia giunzione, senza concentrazioni della luce.

Il National Renewable Energy Lab (NREL) annuncia di essere riuscito a raggiungere il 31,1% di efficienza in una cella fotovoltaica a doppia giunzione, senza concentrazioni della luce.

Ciò è stato possibile dopo che una normale ed economica cella ad arseniuro di gallio è stata dotata di un secondo strato fotovoltaico di fosfuro di gallio e indio e di uno strato riflettente di oro sul fondo.
Questo tipo di celle fotovoltaiche funzionano come “dei LED al contrario”: nello specifico, la luce che le colpisce produce un elettrone e una “buca” caricata positivamente, che vanno poi rapidamente allontanati fra loro e sfruttati per la produzione elettrica. Questo perché, se si ricombinano, proprio come i LED emettono un fotone e sprecano così energia.
Gli scienziati hanno pensato perciò di far riflettere dal fondo in oro questi fotoni indesiderati e farli assorbire dal secondo strato fotovoltaico, portando il rendimento a oltre il 31%.
Per gli studiosi, se si dovessero utilizzare sistemi ottici e se si riuscisse a migliorare ulteriormente la cella a doppia giunzione, sarà possibile arrivare ad almeno un 48% di rendimento. Ciò significa che si potrebbe arrivare ad avere una produzione elettrica in competizione con quella da fossili.

Related Posts

Fotovoltaico in grid parity, l’impianto EOS IM e Capital Dynamics

Fotovoltaico in grid parity, l’impianto EOS IM e Capital Dynamics

Azure Power, 600 MW di pannelli a film sottile da First Solar

Azure Power, 600 MW di pannelli a film sottile da First Solar

FuturaSun illustra il futuro del fotovoltaico alla WCPEC

FuturaSun illustra il futuro del fotovoltaico alla WCPEC

Autodromo di Imola, il crowdfunding per il revamping fotovoltaico

Autodromo di Imola, il crowdfunding per il revamping fotovoltaico