Novembre 28, 2011

Cinzia Jannelli

Il primo impianto fotovoltaico galleggiante a Colignola

Nato dall'esigenza di sfruttare le risorse del territorio e di risparmiare sui costi, il primo impianto fotovoltaico galleggiante è sorto a Colignola, nel Comune di San Giuliano Terme, nei dintorni di Pisa, sull'omonimo laghetto con una struttura che occupa una superficie di 300 mq, con un peso di 7 tonnellate, in grado di galleggiare in 5 metri di profondità ruotando intorno all'ancoraggio alla ricerca della migliore posizione per ricevere i raggi solari.

Nato dall'esigenza di sfruttare le risorse del territorio e di risparmiare sui costi, il primo impianto fotovoltaico galleggiante è sorto a Colignola, nel Comune di San Giuliano Terme, nei dintorni di Pisa, sull'omonimo laghetto con una struttura che occupa una superficie di 300 mq, con un peso di 7 tonnellate, in grado di galleggiare in 5 metri di profondità ruotando intorno all'ancoraggio alla ricerca della migliore posizione per ricevere i raggi solari.

L'opera è sorta grazie alla collaborazione di Scienza Industria Tecnologia di Navicchio con Koinè Multimedia di Pisa che ha realizzato il progetto sulla lago di proprietà dell'ingener Centurione Scotto.

Il completamento dell'impianto, avvenuto a fine settembre, ha permesso di produrre una potenza di 30 Kw effettivi in grado di fornire il fabbisogno di 10 abitazioni tradizionali. Rispetto ad un impianto fisso a terra questi pannelli forniscono più energia perché mettono insieme la concentrazione dei riflettori (60% in più), il movimento (25% in più) e il raffreddamento (tra il 10 e il 15% in più a seconda del tipo di pannello).

Questo sistema denominato Floating Tracking Cooling Concentrator (FTCC) permette di sfruttare piccoli bacini e laghi naturali e artificiali per installare impianti fotovoltaici. Tale sistema FTCC consiste in una serie di piattaforme galleggianti con pannelli fotovoltaici supportate da strutture in tubi di polietilene.

La struttura è costituita da un pannello posizionato tra due riflettori inclinati posizionati ai lati del pannello che consento quindi al pannello di essere sempre in linea con la radiazione solare.

La potenza di un singolo modulo varia da 20 kV a 200 kW, a seconda del tipo di pannello utilizzato. Il raffreddamento del pannello è garantito da un velo d'acqua generato da una serie di irrigatori.

Questa tipologia di impianto può essere ampiamente sfruttata nelle zone ricche di bacini idrici artificiali-industriali, laghi e laghetti come è quella della provincia di Pisa e di molti altri comuni del nostro territorio.

 

Related Posts

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?