Settembre 24, 2012

Giovanni Corti

Schneider Electric SpA supporta il progetto MED in Italy dell’Università Roma Tre, finalista a Solar Decathlon 2012.

Schneider Electric è nuovamente sponsor di Solar Decathlon Europe, in corso a Madrid dal 14 settembre.La competizione, che si chiuderà il 30 settembre prossimo, è stata lanciata per la prima volta nel 2002 dal dipartimento per l’energia del governo statunitense; mette a confronto squadre di studenti universitari di tutto il mondo, chiedendo loro di disegnare, costruire e mettere in funzione case efficienti dal punto di vista energetico, alimentate ad energia solare.

Schneider Electric è nuovamente sponsor di Solar Decathlon Europe, in corso a Madrid dal 14 settembre.
La competizione, che si chiuderà il 30 settembre prossimo, è stata lanciata per la prima volta nel 2002 dal dipartimento per l’energia del governo statunitense; mette a confronto squadre di studenti universitari di tutto il mondo, chiedendo loro di disegnare, costruire e mettere in funzione case efficienti dal punto di vista energetico, alimentate ad energia solare.
Le case vengono costruite in 10 giorni all’interno di un “villaggio solare” aperto al pubblico; la competizione prevede dieci prove da superare e il vincitore dell’edizione 2012 sarà il team che avrà costruito la casa che consuma meno risorse naturali e produce meno sprechi.
Il Gruppo Schneider Electric ha contribuito in vario modo ad oltre metà dei progetti che partecipano alla competizione ed ha realizzato la micro-grid che garantisce la connessione elettrica fra il villaggio solare “Villa Solar” e la rete utility durante l’evento, includendo anche stazioni di ricarica per veicoli elettrici.
In particolare, Schneider Electric SpA, supporta il progetto MED in Italy dell’Università Roma Tre, che prevede la costruzione della prima casa al 100% ecologica, interamente made in Italy. L’abitazione, progettata e costruita da professori e docenti dell’ateneo romano, in collaborazione con il Laboratorio di Disegno Industriale dell’Università “La Sapienza” e con il contributo dell’Università di Bolzano, è stata pre-assemblata in Trentino Alto Adige (Bolzano) e trasportata a Madrid in treno, consentendo un notevole risparmio energetico rispetto al trasporto su gomma.
Durante la manifestazione, il prototipo italiano sarà messo a confronto con gli altri 18 realizzati dai 14 paesi in gara (Brasile, Cina, Danimarca, Egitto, Francia, Germania, Gran Bretagna, Giappone, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna ed Ungheria). Sarà valutato sulla base di dieci parametri fra cui: il calcolo del bilancio energetico, la qualità architettonica, il comfort ambientale, il funzionamento di elettrodomestici e attrezzature.
“MED in Italy è il primo progetto italiano a conquistare l’accesso alle finali del concorso e questo anche grazie al fatto che la casa bioclimatica è in grado di produrre tre volte più energia di quanta ne consumi” ha spiegato l’architetto Chiara Tonelli dell’Università Roma 3, Team leader di MED in italy.
Schneider Electric SpA si è offerta quale partner del team italiano mettendo a disposizione la sua competenza nella progettazione e realizzazione di impianti elettrici integrati. Oltre alla fornitura di prodotti indispensabili per l’impianto elettrico, quali centralini, quadri, inverter solari, power meter, serie civili e componenti per la home automation, è stato decisivo il supporto alla progettazione di un impianto modulare e facilmente assemblabile.
Infatti, la casa è stata realizzata con l’intento di essere facilmente smontabile e in grado di rispondere ad una emergenza, quale ad esempio un terremoto.
“Solar Decathlon rappresenta una vetrina internazionale di prim’ordine, in grado di mostrare al grande pubblico quali soluzioni siano già disponibili in ambito residenziale per sfruttare al meglio nuovi materiali da costruzione, le energie rinnovabili e i sistemi per il monitoraggio e il controllo dei consumi energetici” – ha commentato Dario Mangiò Direttore Comunicazione di Schneider Electric S.p.A. – ” E Schneider Electric in Italia è orgogliosa di avere supportato un progetto altamente innovativo ed originale quale quello realizzato dal team universitario italiano”:
Schneider Electric è partner dell’iniziativa dal 2007 ed è impegnata anche nella sponsorizzazione delle edizioni 2013 del Solar Decathlon in Cina e negli USA; l’azienda sostiene così la promozione di soluzioni innovative ed efficienti che riducano lo spreco di energia, favoriscano l’uso di fonti pulite e incoraggino un utilizzo responsabile e sostenibile delle risorse energetiche.

Related Posts

Moduli fotovoltaici back contact, FuturaSun partner IBC4EU

Moduli fotovoltaici back contact, FuturaSun partner IBC4EU

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Transizione energetica e fotovoltaico: intervista a Christian Carraro di SolarEdge

Transizione energetica e fotovoltaico: intervista a Christian Carraro di SolarEdge