Aprile 27, 2020

Redazione

Sviluppo e prospettive del fotovoltaico: crescita e risparmio

Sviluppo e prospettive del Fotovoltaico, tra crescita e risparmio

Il settore fotovoltaico è oggi in grado di dimostrare la propria forza e di sostenere confronti diretti con le tradizionali fonti energetiche.

La via del fotovoltaico è tracciata; parliamo di un settore capace di dimostrare la propria forza e di sostenere confronti diretti con le tradizionali fonti energetiche.

Energia da fotovoltaico: la tendenza globale di produzione
Per capire la portata dell’espansione del fotovoltaico è utile analizzare i dati di produzione, vera e propria cartina di tornasole per interpretare le tendenze future in ambito energetico.

Dal lato della produzione di energia si assiste ormai stabilmente ad una crescita annuale della quantità prodotta, e le previsioni suffragano questa tendenza anche per gli anni a venire.

Nel mondo la quantità di energia prodotta da fonte fotovoltaica è in costante crescita come testimoniato dai dati raccolti da SolarPower Europe. La potenza annua installata a fine 2018 ha superato per la prima volta i 100 GW, attestandosi a quota 109 GW. La Cina ha fatto la parte del leone, con oltre 44 GW di potenza installata, seguita dagli Stati Uniti che ha fatto registrare un +6% con i loro 11,7 GW e dall’Europa che ha fatto segnare l’incremento più deciso con i suoi 8 GW che rappresentano un incremento del 20% rispetto al 2017.

Globalmente la capacità totale del fotovoltaico nel mondo ha superato i 500 GW, e per i prossimi anni gli analisti del settore prevedono una crescita in doppia cifra, grazie ad uno sforzo congiunto nell’ottica di ridurre le emissioni di CO2: si stima che entro il 2022 si possa raggiungere 1TW di potenza installata e che in Europa la quota di energia coperta dal fotovoltaico passi dal 5% ad un più lusinghiero 15% entro il 2030.

Sviluppo e prospettive del fotovoltaico: crescita e risparmio

Lo sviluppo del fotovoltaico in Italia
La tendenza mondiale sulla crescita del fotovoltaico trova riscontro anche in Italia, secondo i dati riportati nell’annuale rapporto stilato da GSE sullo stato dell’energia solare nel nostro paese.

Nel 2018 in Italia si è riscontrato un incremento importante per quello che riguarda la potenza installata proveniente da fonte fotovoltaica: si è passati dai 774.014 MW del 2017 a 822.301 con una crescita del 6,2%.

Anche il numero assoluto degli impianti è cresciuto, a testimonianza di come la scelta in fase di nuove installazioni e ristrutturazioni si proietti sempre di più verso fonti diverse di energia da quelle fossili: nel 2018 sono stati installati 48.225 impianti nuovi rispetto ai 43.936 fatti registrare nel 2017.

Un incremento importante, che si attesta sul 9,8% e che conferma il trend di crescita degli ultimi 10 anni: dal 2008 ad oggi il numero complessivo di impianti fotovoltaici in Italia è passato da 35.000 ad oltre 820.00 unità, ed è interessante notare come contestualmente in tutti questi anni sia scesa la taglia media di potenza di questi impianti, dimostrando come la penetrazione di questa fonte di energia nel mercato domestico e delle PMI sia in espansione.

Sviluppo e prospettive del fotovoltaico: crescita e risparmio

Il risparmio alla base della crescita
Uno dei fattori che ha sicuramente aiutato questo incremento e che preannuncia rosee prospettive per l’energia solare è quello della convenienza economica di questa forma di approvvigionamento energetico.

Lo sviluppo nella tecnologia degli impianti e dei pannelli fotovoltaici ha permesso di predisporre moderne installazioni che hanno il merito di ottimizzare i consumi, e rendere l’installazione di un impianto solare economicamente conveniente.

Mediamente il ritorno dell’investimento iniziale si ottiene entro pochi anni, e anche la spesa per l’installazione prevede il supporto di Ecobonus che possono arrivare al 50% – 60% di detrazione sulla spesa complessiva. Inoltre è bene ricordare che sui pannelli solari è applicata l’IVA al 10%, portando ad un ulteriore risparmio sul costo iniziale di installazione.

Anche nel costo ordinario della bolletta energetica il fotovoltaico dimostra la sua convenienza: secondo i dati forniti da ARERA il costo dell’energia per un utente domestico medio è di 0,20€ per ogni kWh, ed è destinato a crescere considerando che questo indice ha fatto registrare un aumento del 60% dal 2004 ad oggi.

In questo contesto, il calcolo per valutare l’impatto economico del fotovoltaico è semplice: i dati forniti dall’autorità indicano una spesa annua media di 900€ a famiglia per l’energia elettrica. Un medio impianto domestico è in grado di abbattere questo costo in maniera significativa, portando la spesa annua a circa 570€ annui. La situazione è ancora più allettante dal lato economico se si installano impianti con sistemi di accumulo. Grazie a questa tipologia di impianti solari è possibile accumulare l’energia prodotta in eccedenza rispetto al proprio fabbisogno.

Si perdono i vantaggi derivati dall’immissione nella rete dell’energia elettrica prodotta, ma si guadagna in maniera sostanziale in termini di risparmio: infatti questo sistema porta ad un abbattimento fino al 90% della bolletta energetica.

Non sorprende quindi che sempre più spesso famiglie e imprese decidano di optare per i pannelli fotovoltaici come fonte di approvvigionamento energetico. Nell’arco di 10 anni è possibile raggiungere un risparmio potenziale di oltre 10.000€, più che sufficiente per ammortizzare il costo di un impianto domestico, anche al netto delle detrazioni fiscali e degli incentivi forniti dagli Ecobonus.

Related Posts

Gruppo Sunlight, risultati finanziari in ascesa

Gruppo Sunlight, risultati finanziari in ascesa

Orrick e Greencells, progetti per l’agrivoltaico in Sardegna

Orrick e Greencells, progetti per l’agrivoltaico in Sardegna

Osservatorio sistemi di accumulo, gli aggiornamenti ANIE

Osservatorio sistemi di accumulo, gli aggiornamenti ANIE

Il Decreto Taglia prezzi impatta sui ricavi

Il Decreto Taglia prezzi impatta sui ricavi