QCells, l'amministrazione Biden influenzerà l'ambiente?

QCells, come l'amministrazione Biden influenzerà l'ambiente?

Gli Stati Uniti detengono i più grandi mercati di consumo e produzione del pianeta. Pertanto, l'influenza politica degli Stati Uniti in tutto il mondo è significativa, ed è per questo che l'inaugurazione di Joe Biden come 46° presidente degli Stati Uniti è importante.

Biden è stato vicepresidente degli Stati Uniti dal 2009 al 2017 con Barack Obama, con un’influenza politica di un lungo periodo. Le azioni esecutive, da quando Joe Biden è in carica, offrono alcune indicazioni sul suo orientamento politico.

In particolare, le azioni di Biden sulle questioni ambientali dimostrano il suo profondo impegno per la causa di affrontare il cambiamento climatico, e come affronterà i problemi correlati che gli Stati Uniti, così come il mondo, stanno affrontando. Inoltre, le sue politiche ecologiche dovrebbero avere una grande influenza sulle economie e le industrie di tutto il mondo.

Il presidente, subito dopo essere entrato in carica, ha firmato un ordine esecutivo per far rientrare gli Stati Uniti nell'accordo di Parigi sul clima, dopo che la precedente amministrazione Trump si era ritirata dall'accordo. Questa azione simbolica e realistica riflette l'intenzione degli Stati Uniti di assumere un ruolo di leadership nella risposta al cambiamento climatico. L'accordo, che è stato guidato dall'allora presidente Barack Obama, è stato adottato alla 21° conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici nel dicembre 2015 e ha sostituito il Protocollo di Kyoto del 1997: l’accordo di Parigi prevede che tutti i 195 Paesi firmatari debbano rispettare l'obiettivo di riduzione.

L'amministrazione Biden si è impegnata a costruire 400.000 stazioni di ricarica per veicoli elettrici in tutti gli Stati Uniti entro il 2030, e a sostituire tre milioni di auto statali ufficiali con veicoli ecologici. Inoltre, ha ripristinato il credito d'imposta per i veicoli elettrici per incoraggiare gli acquirenti di auto a considerare il passaggio a un veicolo elettrico. Vale la pena notare che l'amministrazione statunitense ha introdotto la legge "Buy American", che richiede che "almeno il 50% dei componenti dei veicoli acquistati dal governo devono provenire dagli Stati Uniti". Un segnale viene anche dalle aziende automobilistiche: per esempio General Motors si è impegnata a porre fine alla vendita di veicoli con motore a benzina e diesel entro il 2035 per allinearsi alla politica del governo.

Non si tratta solo di veicoli elettrici. Una rivoluzione sta per avvenire anche nell'industria energetica. Un altro ambizioso obiettivo dell'amministrazione Biden è quello di raggiungere un settore energetico senza inquinamento da carbonio entro il 2035. Per farlo, l'amministrazione ha annunciato piani per investire 2 trilioni di dollari nella costruzione di infrastrutture per l'energia pulita in quattro anni, e ha creato una nuova agenzia - l'Agenzia per i progetti di ricerca avanzata sul clima (ARPA-C) - finalizzata a raggiungere l'obiettivo del 100% di energia pulita.

Queste mosse dell'amministrazione Biden si concentrano sulla creazione di nuovi posti di lavoro e sull'essere eco-friendly. Il New York Times ha previsto che "le politiche del Green New Deal dell'amministrazione Biden potrebbero portare alla creazione di 1 milione di posti di lavoro".

La U.S. Securities and Exchange Commission (SEC) è al passo con il rafforzamento delle politiche ambientali del presidente Biden. Dal 2010, le aziende quotate in borsa negli Stati Uniti hanno fatto disclosure calcolando arbitrariamente i rischi legati al clima. Tuttavia, per affrontare più attivamente il cambiamento climatico, la Securities and Exchange Commission (SEC) ha deciso dopo un decennio di apportare modifiche ai requisiti di divulgazione relativi al cambiamento climatico. Secondo una notizia della Reuters del 24 febbraio, Allison Herren Lee, presidente ad interim della U.S. Securities and Exchange Commission (SEC), ha dichiarato: "Rafforzeremo i requisiti di divulgazione relativi ai rischi del cambiamento climatico e modificheremo i criteri di valutazione pertinenti per fare in modo che le aziende rivelino la questione in modo coerente e affidabile".

L'amministrazione Biden sta prendendo l'iniziativa di ridurre il carbonio anche nel settore residenziale. Secondo la politica, l'amministrazione prevede di aggiornare quattro milioni di edifici esistenti e due milioni di case per renderli più efficienti dal punto di vista energetico e diventare così strutture ecologiche. Inoltre, l'amministrazione dovrebbe fornire 1,5 milioni di case ecologiche con basse emissioni di carbonio. Anche se i sussidi per i combustibili fossili saranno abrogati, sembra che l'amministrazione abbia intenzione di riempire il vuoto nella produzione di energia portato dalla politica di riduzione delle emissioni di carbonio, installando 500 milioni di pannelli solari e 60.000 turbine eoliche nei prossimi cinque anni: l’industria solare crescerà rapidamente.

La politica ambientale dell'amministrazione di Joe Biden è appena iniziata. Numerose azioni rilevanti avranno un impatto significativo sul mondo, ma ciò che questa politica suggerisce è chiaro. Il governo degli Stati Uniti accelererà la transizione dall'era dell'energia fossile all'energia ecologica e rinnovabile e, a tempo debito, i produttori di energia rinnovabile troveranno enormi opportunità. L'industria energetica farà un grande balzo in avanti sostenuta dai settori dell'energia solare ed eolica e, nell'industria automobilistica, la competizione per assicurarsi la quota di mercato dei veicoli elettrici diventerà più forte. In questo ambiente, le aziende che guidano l'industria rinasceranno come quelle che guideranno l'era eco-friendly.