Giugno 30, 2021

Daniela Rimicci

SolarPower: sei raccomandazioni chiave per la RED II Review

SolarPower Europe ha pubblicato il suo position paper con raccomandazioni chiave sulla RED II e su come raggiungere il 45% di energia rinnovabile nell’UE entro il 2030.

SolarPower Europe ha pubblicato il suo position paper con raccomandazioni chiave sulla RED II e su come raggiungere il 45% di energia rinnovabile nell’UE entro il 2030. Lo studio 100% Renewable Europe di SolarPower Europe ha dimostrato che il massiccio dispiegamento di nuove capacità rinnovabili combinato con ambiziose strategie di elettrificazione è la soluzione più efficiente in termini di costi per decarbonizzare la nostra economia, al minor costo per la società e massimizzando i benefici sociali.

Con l’ambizione di raggiungere una riduzione del 55% delle emissioni di CO2 nell’UE entro il 2030, è inevitabile una revisione al rialzo degli obiettivi dell’UE 2030 per le energie rinnovabili e una revisione della direttiva sulle energie rinnovabili. La Commissione europea ha già espresso la necessità di aumentare l’attuale obiettivo 2030 delle rinnovabili dal 32% ad almeno il 38-40% della domanda finale di energia dell’UE entro il 2030. Tuttavia, secondo SolarPower Europe, l’UE ha il potenziale per raggiungere una quota del 45% di energie rinnovabili nella domanda finale di energia dell’UE, che metterebbe il continente sulla buona strada per raggiungere lo scenario dell’accordo di Parigi a 1,5°.

Le raccomandazioni di SolarPower Europe

Al di là degli obiettivi, la revisione della direttiva sulle energie rinnovabili rappresenta un’opportunità unica per aggiornare il quadro normativo dell’UE e garantire che gli Stati membri siano autorizzati ad attuare le politiche e le misure necessarie per soddisfare l’ambizione. Il documento rilasciato da SolarPower Europe ha individuato 6 raccomandazioni chiave da parte dell’industria solare, per una RED II di successo e ‘a prova di futuro’.

  1. Aumentare la quota di energia rinnovabile nella domanda ad almeno il 45% entro il 2030.
  2. Migliorare il quadro per l’autoconsumo di energia rinnovabile nel settore commerciale e industriale l’autoconsumo di energia rinnovabile.
  3. Migliorare il quadro delle garanzie di origine e aumentare la sua trasparenza.
  4. Sostenere l’idrogeno rinnovabile attraverso un robusto sistema di certificazione e quote dedicate in settori d’uso finale difficili da abbattere, mentre si distribuisce massicciamente nuova capacità di elettricità rinnovabile.
  5. Rafforzare le disposizioni sulle procedure amministrative e migliorare la loro attuazione.
  6. Fissare requisiti minimi per la generazione di energia rinnovabile negli edifici.

Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe
Spinta dalla sua competitività di costo, la crescita del settore solare nell’UE è stata accelerata negli ultimi anni, e ci aspettiamo che questa tendenza continui. Tuttavia, il business tradizionale non garantirà la neutralità climatica entro il 2050 e la riduzione delle emissioni di gas serra del 55% per il 2030. Per dare il via a una rivoluzione solare, la revisione della direttiva sulle energie rinnovabili deve rimuovere le rimanenti barriere amministrative allo sviluppo di progetti di energia rinnovabile e rafforzare il quadro delle garanzie di origine, per sostenere un maggior numero di aziende e imprese dell’UE che stanno guidando nuovi investimenti rinnovabili.

Aurélie Beauvais, Deputy CEO e Policy Director di SolarPower Europe
Secondo tutti gli scenari energetici dell’UE, l’idrogeno rinnovabile sarà l’anello mancante per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, raggiungendo la piena decarbonizzazione dei settori che sono difficili da elettrificare. La revisione della RED II può mettere in atto una pietra miliare essenziale per la futura industria europea dell’idrogeno rinnovabile, sviluppando un robusto sistema di certificazione, assicurando che questa domanda aggiuntiva sarà soddisfatta da nuove capacità rinnovabili e proponendo adeguate misure di sostegno per i produttori e gli utenti di idrogeno rinnovabile, se del caso.

Miguel Herrero Cangas, Policy Advisor di SolarPower Europe
Sbloccare il potenziale di generazione solare di tutti gli edifici nell’UE darebbe impulso alla creazione di posti di lavoro sostenibili e resilienti e guiderebbe ambizioni climatiche più elevate. La RED II deve introdurre disposizioni che permettano agli impianti solari di autoconsumo di medie dimensioni tra 30 kW e 1 MW di attingere a più di 500 GW di capacità installata entro il 2030. Per guidare l’integrazione efficiente del sistema energetico, questo dovrebbe essere completato da obiettivi a livello locale per distribuire la generazione decentralizzata e le risorse di flessibilità, in linea con le esigenze locali di pianificazione urbana e del sistema energetico.

Related Posts

Controllata Canadian Solar e Appalachian Power: fotovoltaico da 150 MWac

Controllata Canadian Solar e Appalachian Power: fotovoltaico da 150 MWac

Il gruppo Schletter continua a crescere in Turchia

Il gruppo Schletter continua a crescere in Turchia

Trina Solar e EnBW aprono il più grande parco fotovoltaico in Germania

Trina Solar e EnBW aprono il più grande parco fotovoltaico in Germania

BNZ: al via impianto fotovoltaico da 45 MW nel Lazio

BNZ: al via impianto fotovoltaico da 45 MW nel Lazio