Febbraio 15, 2022

Cristiano Sala

Impianti fotovoltaici, il Barometro Elmec fotografa la situazione

Il Barometro del Fotovoltaico di Elmec Solar evidenzia una ulteriore crescita nell’adozione di impianti fotovoltaici nel terzo trimestre del 2021.

Tra le province italiane che hanno maggiormente adottato il fotovoltaico: Padova, Brescia e Roma conquistano le prime tre posizioni. Elmec Solar vuole porre l’attenzione su un nuovo fenomeno, ancora in fase embrionale, ma che porterà ulteriori vantaggi in termini di approvvigionamento sostenibile: lo sviluppo delle comunità energetiche sul territorio italiano.

Secondo la rielaborazione da parte di Elmec Solar dei dati pubblicati da Italia Solare, complessivamente, sono 10 le province d’Italia che hanno registrato il maggior incremento di impianti fotovoltaici nei soli mesi di luglio, agosto e settembre 2021.

Le 10 province sono rispettivamente: Padova (+860 impianti), Brescia (+804 impianti), Roma (+790 impianti), Venezia (+781 impianti), Treviso (+662 impianti), Torino (+590 impianti), Vicenza (+572 impianti), Bergamo (+557 impianti), Milano (+549 impianti) e Varese (+418 impianti).

Facendo un confronto con la terza edizione del Barometro del Fotovoltaico, nei soli mesi di luglio, agosto e settembre 2021, in Italia c’è stato un incremento di 20.984 impianti in più, rispetto all’aumento registrato nel secondo trimestre del 2021, pari a 18.655 impianti.

Da non dimenticare è il dato sul potenziale fotovoltaico che, anche in questa quarta edizione del Barometro del Fotovoltaico, vuole mettere in luce le province con maggiore potenziale in termini di numero di impianti fotovoltaici realizzabili. Le aree a maggior potenziale (inespresso) di adozione del fotovoltaico sono state individuate analizzando la percentuale di edifici privi di impianti solari sul totale di quelli a 1,2,3 e 4 piani, ovvero di quelli che hanno facilmente l’opportunità di installare un impianto fotovoltaico. Sul podio Verbano Cusio Ossola, Palermo e Genova.

Le comunità energetiche

Una comunità energetica, detta anche CES, è un modello energetico diffuso basato su autoproduzione autoconsumo e condivisione di energia da fonti rinnovabili, elettriche e termiche, che si integra con i più grandi impianti a tecnologie pulite, in grado di contribuire alla lotta contro l’emergenza climatica.

Secondo i dati di Legambiente, ad oggi, sono 2 le comunità energetiche realizzate in Italia: la prima, chiamata “Comunità energetica e solidale di Napoli Est” sorge nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, in provincia di Napoli, mentre la seconda, denominata “City Hall”, si trova a Magliano Alpi, in provincia di Cuneo. Altre 16 comunità energetiche sono in fase di progettazione e, altre 7, in movimento, ovvero ancora nelle primissime fasi preliminari che vedono coinvolti Comuni, imprese e cittadini.

Stando alle previsioni di Legambiente, il 2022 sarà quindi l’anno decisivo per l’implementazione delle comunità energetiche in Italia che vede in prima linea, per la difesa dell’ambiente, Sardegna Puglia e Sicilia, le tre regioni in cui stanno prendendo il via la maggior parte di questi progetti.

Related Posts

Comunità Energetiche Rinnovabili, l’indipendenza a “portata di tetto”

Comunità Energetiche Rinnovabili, l’indipendenza a “portata di tetto”

Impianti fotovoltaici, il Barometro di Elmec Solar

Impianti fotovoltaici, il Barometro di Elmec Solar

Campania, fotovoltaico in crescita secondo Otovo

Campania, fotovoltaico in crescita secondo Otovo

Coperture industriali? Sun Ballast ha la soluzione

Coperture industriali? Sun Ballast ha la soluzione