Luglio 9, 2012

Cristiano Sala

Conergy PowerPlus, elevate prestazioni a basso irraggiamento

I moduli Conergy PowerPlus sono stati oggetto di accurati test e verifiche presso la sede centrale di Francoforte. I prodotti sono stati esaminati per stabilirne la resa in condizioni di scarso irraggiamento. Per le prove si è considerata l’effettiva operatività del pannello, una volta installato.

I moduli Conergy PowerPlus sono stati oggetto di accurati test e verifiche presso la sede centrale di Francoforte. I prodotti sono stati esaminati per stabilirne la resa in condizioni di scarso irraggiamento. Per le prove si è considerata l’effettiva operatività del pannello, una volta installato.

In condizioni reali, il sistema lavora con un irraggiamento ridotto, per via della presenza di nuvole, nebbia, ombre o a causa di un orientamento poco favorevole. Nonostante le condizioni svantaggiose, i moduli Conergy PowerPlus hanno dimostrato un’elevata efficienza, superiore a quella prevista nei programmi di simulazione, con una produzione energetica annuale fino al 3% superiore rispetto a quanto stimato dai programmi standard di calcolo.

Conergy PowerPlus, elevate prestazioni a basso irraggiamento
I test indipendenti sono stati condotti e certificati dall’ente TÜV Rheinland. I risultati evidenziano il miglioramento delle performance attuali nella serie di moduli in produzione, come i Conergy PowerPlus 235P, rispetto a quelle rilevate nel 2007. Nel complesso si tratta di un risultato positivo per livelli di irraggiamento tra i 200 e i 700W/mq, dove in media i moduli evidenziano un innalzamento dell’efficienza dell’8%.

Tag

Related Posts

FuturaSun: le caratteristiche che i moduli devono avere

FuturaSun: le caratteristiche che i moduli devono avere

Il laboratorio di Astronergy è UL Witness Test Data Program

Il laboratorio di Astronergy è UL Witness Test Data Program

Astronergy continua a sviluppare la tecnologia

Astronergy continua a sviluppare la tecnologia

Transizione energetica, intervista Giovanni Longari di XIBER

Transizione energetica, intervista Giovanni Longari di XIBER