Gennaio 4, 2013

Cristiano Sala

I moduli Yingli Green superano i test PID TÜV SÜD

Recenti test svolti sui moduli Yingli Green hanno permesso di verificare la resistenza alla degradazione del potenziale indotto, o PID. I laboratori TÜV SÜD hanno messo alla prova i moduli adottando le misure standard di test e hanno evidenziato una degradazione della potenza inferiore allo 0,5%, rispetto a un massimo ammissibile del 5%.

Recenti test svolti sui moduli Yingli Green hanno permesso di verificare la resistenza alla degradazione del potenziale indotto, o PID. I laboratori TÜV SÜD hanno messo alla prova i moduli adottando le misure standard di test e hanno evidenziato una degradazione della potenza inferiore allo 0,5%, rispetto a un massimo ammissibile del 5%.

La procedura di verifica ha una durata di 96 ore, entro le quali i moduli devono sostare in una camera preventivamente predisposta e operare utilizzando la tensione di polarizzazione del sistema standard di 1.000 V. Nel lasso di tempo predeterminato, i moduli sono sottoposti a una temperatura continua di 85°C e a un’umidità relativa dell’85%, per simulare in breve tempo le condizioni di usura nel lungo periodo.

Related Posts

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?

GCAgrosolar e Legambiente Puglia, fotovoltaico innovativo

GCAgrosolar e Legambiente Puglia, fotovoltaico innovativo