Produttività fotovoltaica: superficie Vs. potenza dei pannelli

Produttività fotovoltaica: superficie Vs. potenza dei pannelli

Panasonic sottolinea come la produttività per metro quadrato dei pannelli fotovoltaici sia un parametro importante quando ci sono limiti di spazio.

L’efficienza per metro quadrato dei pannelli solari è molto più importante della loro potenza nominale. In particolare, in ambito residenziale, dove i tetti delle case hanno degli evidenti limiti di spazio, l’indicazione dei Wp può essere fuorviante in quanto non tiene conto della produttività per metro quadrato dei moduli, un parametro importante quando ci sono limiti di spazio.

Moduli a potenza nominale elevata

L’evoluzione tecnologica ha introdotto sul mercato moduli con potenza nominale sempre più elevata (pannelli da 500 Wp non sono più un’eccezione, e sono già apparsi quelli da 600 Wp), ma con dimensioni sempre maggiori. Questo perché, in parte a causa del calo dei prezzi del silicio, i wafer da cui sono costruiti i pannelli sono sempre più grandi.

Nel 2012 lo standard era di 15,6 cm, qualche anno dopo era già di 16,2 cm e i produttori utilizzano oggi wafer fino a 21,0 cm. All’aumento dei Wp, quindi, aumentano anche le dimensioni dei moduli, ma non accade altrettanto per la produttività per metro quadrato

I moduli Panasonic

Confrontiamo due moduli diversi, A e B. Il modulo A ha una potenza nominale di 350 Wp e dimensioni 1,86 mq (1,78 x 1,05 metri),  quindi un’efficienza di 187 Wp/mq. Il modulo B, prodotto da Panasonic, è più ridotto di dimensioni, 1,66 mq (1,59 x 1,05 metri) e ha una potenza nominale inferiore, 340 Wp, ma un’efficienza maggiore, 204 Wp: più piccolo e più efficiente.

Le grandi dimensioni vanno anche a scapito della resistenza e dell’affidabilità, infatti l’uso di wafer più grandi ha come conseguenza che eventuali microfessure possono svilupparsi più rapidamente in quanto i produttori, per ridurre il peso dei moduli, utilizzano lastre di vetro più sottili. Pannelli più grandi hanno quindi maggiori probabilità di essere danneggiati, durante la movimentazione e il trasporto, o dopo l’installazione, a causa del forte vento e del carico di neve. A questo si aggiunge il problema del peso: qualora si superassero i 25 chili che un installatore è autorizzato a sollevare in base alla normativa italiana in materia di salute e sicurezza sarebbe necessario utilizzare manodopera extra.

I moduli Panasonic sono particolarmente efficienti, con una produzione di energia al metro quadro fino al 20% superiore rispetto a quelli tradizionali. 

Sono particolarmente resistenti sia nei climi caldi sia freddi. Grazie al  basso coefficiente di temperatura (0,258) mantengono alta efficienza ed erogano una potenza maggiore anche con temperature elevate. Grazie alla cornice rinforzata hanno una capacità di carico garantita di 5.400 Pa (Newton/mq) adatta a supportare elevata quantità di neve o forte vento.

Fabrizio Limani senior manager solar division Panasonic Solar
Per una corretta valutazione dei moduli da inserire in un impianto fotovoltaico è necessario considerare, insieme al prezzo e alla potenza nominale, la produttività per mq. In ambito residenziale, ad esempio, moduli piccoli e molto efficienti sono preferibili in quanto lo spazio su tetto è limitato e spesso con la presenza di lucernari o camini creano vincoli ulteriori. Inoltre, pannelli di dimensioni ridotte pesano meno e sono costruiti con wafer più piccoli, con minori possibilità di danni durante il trasporto e/o l’installazione, preservando i margini dell’installatore e l’investimento dell’utente finale.