IHS Markit prevede un 2021 eccezionale per il solare in USA

IHS Markit prevede un 2021 eccezionale per il solare in USA

Nonostante le sfide della domanda e dell'offerta che il fotovoltaico ha affrontato nel 2020, il mercato solare statunitense ha visto il suo più grande anno di installazione fino a oggi. Oltre 22 GWdc di installazioni fotovoltaiche sono state completate nel 2020, con progetti su scala industriale che rappresentano il 77% di quel volume. Un'amministrazione favorevole alle rinnovabili, un programma ITC esteso, prezzi sempre più competitivi e una massiccia pipeline di progetti in fase avanzata guideranno una forte crescita per gli Stati Uniti nel 2021.

IHS Markit prevede che gli Stati Uniti installeranno oltre 20 GWdc di installazioni fotovoltaiche utility-scale nel 2021, il che lo rende un altro anno eccezionale per il solare. In particolare, il segmento utility-scale ha già oltre 11 GWdc di progetti già in costruzione nel 2021. Altri fattori che contribuiscono alla crescita del solare quest'anno sono la transizione degli stati carboniferi verso la generazione rinnovabile a breve termine; stati come l'Illinois, la Virginia, la Pennsylvania e il Kentucky hanno grandi pipeline di fotovoltaico nel 2021 fino al 2025. Inoltre, il continuo approvvigionamento aziendale per la generazione fotovoltaica e gli obiettivi netti aggressivi di zero da parte delle grandi utility in tutto il Paese garantiranno la crescita del solare nei prossimi cinque anni.

Effetto dell'estensione ITC sulle installazioni residenziali e non residenziali

Il 21 dicembre 2020 entrambe le camere del Congresso hanno approvato un ampio disegno di legge COVD-19 e di finanziamento che includeva un'estensione di due anni del credito d'imposta sugli investimenti solari (ITC), un'estensione di un anno sui crediti d'imposta sulla produzione eolica (PTC) e il finanziamento di programmi di ricerca e sviluppo energetico, tra le altre disposizioni. L'estensione dell'ITC probabilmente rimescolerà la domanda di progetti fotovoltaici dal 2022 al 2025, poiché gli investitori cercano di catturare l'ITC del 26% e le disposizioni di approdo sicuro a un punto di prezzo che è vantaggioso per i loro rendimenti. Permettere due anni in più per il credito del 26% migliorerà l'economia del solare in generale, poiché il credito sarà ora accoppiato con una tariffa più piccola per le celle e i moduli solari, supponendo che la tariffa non sia estesa.

Per il mercato residenziale, i proprietari di case in tutto il Paese si sono affrettati ad assicurarsi l'ITC 26 installando il solare nelle loro case nel 2020, nonostante le sfide poste dalla pandemia del COVID-19. Tuttavia, il segmento residenziale è più sensibile ai crediti d'imposta rispetto al segmento non residenziale; l'estensione guiderà un picco immediato della domanda seguito da cali che sono correlati allo step-down dell'ITC.

L'estensione biennale del credito d'imposta solare dovrebbe stimolare una maggiore domanda di sistemi residenziali e commerciali in diversi mercati emergenti: il 2021 sarà un anno importante per gli installatori residenziali, ma la domanda da parte dei consumatori dal 2022 in poi si affievolirà man mano che i mercati maturi raggiungeranno la saturazione e i programmi solari continueranno a essere messi in discussione e modificati.

Nuovi mercati, crescita continua

Nel 2021 le regioni del Midwest e del sud degli Stati Uniti saranno responsabili del 60% delle installazioni fotovoltaiche nel Paese. Stati come l'Illinois, l'Ohio, la Georgia, la Florida e il Texas contribuiranno a una gran parte dei volumi di installazione in queste regioni. Si prevede che la domanda di fotovoltaico nel Midwest sarà guidata principalmente dal mercato delle utility, in quanto queste ercano di conformarsi ai vari livelli di energia rinnovabile e agli obiettivi di riduzione delle emissioni.

Allo stesso modo, nel sud-est le grandi società di servizi come Duke Energy, Georgia Power, Dominion Energy, e Florida Power & Light stanno guidando la domanda per il fotovoltaico su scala industriale attraverso meccanismi di approvvigionamento volontari e competitivi. Queste aziende, tra le altre, hanno fissato obiettivi forti di generazione di energia rinnovabile a zero, che richiederanno l'acquisto di energia solare fotovoltaica nel prossimo futuro. Inoltre, i partenariati tra le utility e le grandi aziende stanno spingendo un'ulteriore domanda per il fotovoltaico su scala industriale.

Nel sud-ovest, IHS Markit prevede che il segmento del fotovoltaico su scala industriale guiderà la domanda, con la maggior parte delle installazioni attribuite alla massiccia crescita del fotovoltaico in Texas, che dovrebbe continuare fino al 2025. Anche se le installazioni su scala industriale domineranno il mercato in Texas, il segmento residenziale ha anche guadagnato slancio nel 2020 e sosterrà livelli simili nel breve termine, poiché i consumatori approfittano dell'estensione dell'ITC e degli incentivi delle utility come i programmi di sconto.

Gli ambiziosi obiettivi verdi di New York

Storicamente, i segmenti del fotovoltaico residenziale e commerciale hanno guidato la maggior parte della domanda nella regione nord-orientale e continueranno a farlo. Tuttavia, a causa dei grandi obiettivi di New York su scala industriale, il segmento su larga scala rappresenterà più della metà della domanda fotovoltaica nella regione. Recentemente, lo Stato ha annunciato 23 progetti su scala industriale che hanno una capacità combinata di 2,2 GW. Inoltre, la Public Service Commission (PSC) dello Stato di New York ha approvato la costruzione di una linea di trasmissione di 55 miglia che mira a migliorare l'affidabilità e ad accelerare il flusso di energia dall'Upstate NY alle parti inferiori dello stato.

Anche il New Jersey, il Massachusetts e il Maryland contribuiranno a guidare la maggior parte della crescita del fotovoltaico nel nord-est degli Stati Uniti nel 2021. I legislatori di tutta la regione hanno proposto delle politiche che potrebbero aiutare la crescita del fotovoltaico, anche se alcune hanno avuto più successo di altre. All'inizio di quest'anno, il governatore Charlie Baker del Massachusetts ha posto il veto alla legislazione che richiedeva allo stato di raggiungere emissioni nette zero entro il 2050, più recentemente, il governatore ha suggerito degli emendamenti alla legge e sta aspettando una risposta dalla legislatura dello stato.

Lo stoccaggio che capitalizza le politiche del fotovoltaico

IHS Markit prevede che le installazioni di capacità di stoccaggio di energia negli Stati Uniti rappresenteranno più di 5 GW nel 2021. L'estensione dell'ITC probabilmente migliorerà l'economia del sistema solare più lo stoccaggio e permetterà ai progetti di stoccaggio di energia di essere co-locati con il fotovoltaico per beneficiare di un carico fiscale ridotto fino al 2025.

L'ordine 2222 della Federal Energy Regulatory Commission (FERC) che è stato approvato nel 2020, apre i mercati all'ingrosso allo stoccaggio di energia behind the meter, ma potrebbe essere necessario più tempo del previsto perché questa decisione diventi un forte motore di mercato. L'ordine 2222 mira a permettere alle risorse energetiche distribuite (DER) di partecipare ai mercati dell'energia all'ingrosso raggruppandosi come un'unica entità di offerta. Recentemente, le organizzazioni regionali di trasmissione e altre parti interessate hanno chiesto un'estensione dell'ordine 2222 della FERC, citando una tempistica troppo breve per implementare la sentenza.

Mentre gli Stati Uniti continueranno a estendere il dominio nel mercato dello stoccaggio, gli incentivi per quest’ultimo sono ancora carenti nel Paese, con un credito d'imposta stand-alone per lo stoccaggio non facilmente garantito dal momento che i democratici controllano il Senato con un piccolo margine. A breve termine, le politiche federali più importanti a beneficio dell'industria dello stoccaggio di energia saranno probabilmente sotto forma di azioni esecutive.