Carbon neutrality e fotovoltaico, il binomio del cambiamento

Carbon neutrality e fotovoltaico, il binomio del cambiamento

La causa principale della crisi climatica è l'eccessiva emissione di carbonio: il fotovoltaico contribuirà a costruire una società a zero emissioni.

Il mondo sta soffrendo importanti cambiamenti in tutti i settori, dall'economia alla politica, alla società e alla cultura, a causa della pandemia COVID-19 che persiste da più di un anno. Nel frattempo, l'impatto del peggioramento del cambiamento climatico negli ultimi anni diventerà più forte nel prossimo futuro. È un fatto accettato che la causa principale della crisi climatica è l'eccessiva emissione di carbonio causata dal continuo uso di combustibili fossili. Pertanto, la realizzazione di una società a zero emissioni di carbonio per combattere il cambiamento climatico non sarà più un'agenda dichiarativa ma una sfida prioritaria in questo secolo.

La carbon neutrality non è una scelta ma una sfida essenziale

Cambiare il sistema energetico per il raggiungimento della neutralità del carbonio è l'approccio più importante. Uno degli esempi rappresentativi relativi all'impatto del cambiamento climatico sul sistema energetico è il recente rolling blackout in Texas. La maggior parte della regione centrale degli Stati Uniti ha sperimentato un freddo estremo, e questo a sua volta ha aumentato la domanda di energia e creato carenze di fornitura. Ha anche causato un caos intenso e diffuso nel mercato dell'energia. I blackout continui si sono verificati a causa di vari problemi legati al funzionamento delle centrali elettriche, infliggendo enormi danni, e stanno continuando.

Recentemente, l'IEA (Agenzia Internazionale dell'Energia) ha presentato diversi scenari annunciando "Prospettive tecnologiche dell'energia 2020", rivelando le sue prospettive sulle tecnologie energetiche pulite. Tra questi scenari, lo Scenario di Sviluppo Sostenibile, una tabella di marcia per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici globali, ha integrato i cambiamenti fondamentali nella tecnologia e nelle infrastrutture del sistema energetico con l'aspetto del cambiamento comportamentale. Inoltre, ha presentato la metodologia per convertire il sistema energetico in tutto il mondo per raggiungere emissioni di carbonio nette-zero entro il 2070.  Uno scenario più progressivo di questo è il Faster Innovation Case, con l'obiettivo di raggiungere emissioni nette-zero entro il 2050: prevede che il bisogno di produzione di energia aumenterà di circa 2,5 volte rispetto al presente, e la capacità annuale di energia rinnovabile richiederà circa quattro volte la produzione di energia del 2019. La chiave di questo scenario è la necessità di un'innovazione più rapida dell'elettrificazione, dell'idrogeno, della bioenergia e della tecnologia CCUS (cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio).

L'aumento della neutralità del carbonio fa luce sull'industria solare

La chiave per la decarbonizzazione è l'uso di elettricità pulita. Secondo lo Scenario dello Sviluppo Sostenibile, la quota di elettricità nella domanda di energia per uso finale aumenterà dall'attuale 20% a circa il 50% entro il 2070, e questo può portare a una riduzione del 20% circa delle emissioni di CO2. Si prevede che la domanda totale di energia nel 2070 aumenterà a 30.000 TWh. Soprattutto l'uso di fonti di energia pulita, incluso il fotovoltaico, l'energia eolica e altre energie rinnovabili, dovrebbe aumentare, e, tra queste, il fotovoltaico giocherà un ruolo importante come fonte di energia rinnovabile chiave per l'era carbon-neutral.

images/immagini/Libreria740/Pannelli/ternasostenibilita.jpg

Il fotovoltaico è l'unica fonte di energia tradizionale in cui il costo di generazione è in continua diminuzione. Inoltre, è l'energia distribuita rappresentativa che permette la costruzione di centrali di varie dimensioni collegando moduli solari composti da celle. L'industria fotovoltaica è una delle più grandi industrie energetiche, con una catena di valore estesa che collega il processo di produzione dalle materie prime alle celle solari, la progettazione, la costruzione e la manutenzione dei moduli fotovoltaici, fino alla gestione degli asset finanziari, che oggi è sotto i riflettori.

Nel 2019 la capacità fotovoltaica di nuova installazione è stata di 115 GW a livello globale, e si prevede che la capacità si mantenga a oltre 100 GW nel 2020 per il quarto anno consecutivo. L'industria fotovoltaica ha raggiunto un punto di svolta dopo aver attraversato un periodo di ristrutturazione nei primi anni 2010. Ora è entrata in un ciclo virtuoso di crescita alimentato dal miglioramento della produzione dei moduli, dalla diminuzione dei costi di produzione dell'energia, dalla crescente accettabilità e dall'espansione degli investimenti negli impianti di produzione e nello sviluppo della tecnologia. Nell'era della neutralità del carbonio, l'industria globale dell'energia solare crescerà più velocemente.

L'energia solare che si trasforma per l’uso quotidiano

Oggi l'industria fotovoltaica si trasforma: dai semplici moduli sui tetti e dalle grandi centrali verso mercati che comprendono centrali solari galleggianti, fotovoltaico integrato negli edifici e fotovoltaico agricolo, al fine di sviluppare fonti di energia distribuite che rispondano a diversi ambienti. Inoltre, si prevede anche un'espansione del mercato dei prodotti applicati.

images/immagini/Libreria740/Pannelli/ternasostenibilita.jpg

Grazie al miglioramento della potenza e della flessibilità del modulo attraverso lo sviluppo della tecnologia, i prodotti del modulo solare diventeranno componenti automobilistici chiave per l'era della e-mobility.

Lo sviluppo di diversi moduli fotovoltaici e di moduli ad alta potenza aumenterà l'uso dell'energia solare nella nostra vita quotidiana, che va oltre il concetto di una centrale elettrica per produrre semplicemente energia ecologica e pulita. Anche i cambiamenti nella politica dei governi saranno importanti. Questi cambiamenti includeranno la concessione di diritti per i consumatori di energia per scegliere l'elettricità pulita e le riforme dei prezzi dell'elettricità per riflettere il costo della decarbonizzazione per prepararsi alle restrizioni commerciali legate alla decarbonizzazione, come una carbon border tax.

L'energia solare è un'importante fonte di energia rinnovabile che può guidare la transizione verso l'economia di scala dell'idrogeno attraverso la produzione di idrogeno in futuro ed è un mezzo importante per attuare una società decarbonizzata che combatte il cambiamento climatico. Oltre a realizzare questi valori sociali, coloro che partecipano alla collaborazione tra industria e università dovrebbero essere preparati per contribuire a un futuro più floreo dell'industria fotovoltaica guidata dalla Corea.

Quanto riportato nello studio è a cura del Professor Chang-Sik Son.
Fonte: blog QCell Q.Story: