SolarPower: solare e rinnovabili per la ripresa in UE

Proposta SolarPower: solare e rinnovabili per ripresa UE

SolarPower Europe, insieme a 31 associazioni dei settori delle rinnovabili e dell'efficienza energetica, ha presentato una proposta congiunta diretta alla Commissione europea su quali siano le priorità del Green Deal europeo per sviluppare un pacchetto di stimolo economico.

La proposta indica che gli investimenti dovrebbero essere incanalati nell'efficienza energetica competitiva in termini di costi e nelle tecnologie delle energie rinnovabili, che hanno un significativo potenziale di creazione di posti di lavoro all'indomani della pandemia.

Questo è in linea con l'impegno del Consiglio europeo di fornire misure di recupero per rimettere l'UE sulla strada della crescita sostenibile, integrando sia la transizione verde sia la trasformazione digitale. Accelerare gli investimenti per gli edifici a zero carbonio, così come la mobilità pulita e i processi industriali, dovrebbero essere una priorità chiave per rafforzare l'industria europea dell'energia pulita e realizzare la transizione energetica per tutti gli europei.

Walburga Hemetsberger, CEO di SolarPower Europe
Le industrie delle energie rinnovabili e gli installatori elettrici rappresentano oggi più di 1,5 milioni di posti di lavoro in Europa. Politiche ambiziose per la diffusione delle energie rinnovabili in tutti i settori e le imprese dell'UE possono essere un fattore chiave per la ripresa economica dell'UE, mentre si lavora verso un'economia neutrale dal punto di vista climatico prima del 2050.

Essendo la tecnologia di energia pulita più economica e di più facile impiego, il solare fornisce un approvvigionamento energetico conveniente e affidabile alle imprese e ai cittadini di tutta Europa. Un recente studio del Joint Research Centre (JRC) mostra che due terzi del potenziale solare sui tetti d'Europa potrebbe fornire elettricità a tariffe più basse di quelle attuali, offrendo l'opportunità di affrontare la povertà energetica e aumentare i posti di lavoro locali nei settori dell'installazione, della manutenzione e della costruzione in un momento cruciale per l'Europa.