Settembre 8, 2023

Nicola Martello

Mitigazione dei rischi esplosivi nei sistemi di accumulo

L’industria dei sistemi di accumulo dell’energia delle batterie (BESS) tratta la chimica degli infiammabili come un rischio potenziale da tenere sotto controllo. Questi sistemi potenzialmente esplosivi sono un problema in situazioni in cui le batterie di un BESS entrano in una fase di instabilità termica, provocando incendi o esplosioni. È necessario installare sistemi per la prevenzione e il controllo delle esplosioni all’interno degli ambienti che contengono dispositivi infiammabili, per garantire la sicurezza delle persone vicine. Le sostanze usate nel settore dello stoccaggio dell’energia sono altamente infiammabili e possono rappresentare gravi minacce per la sicurezza e l’utilizzabilità dei sistemi di batterie.

Il problema dei sistemi BESS potenzialmente esplosivi esiste in ambienti che contengono concentrazioni infiammabili, come nel caso di rilascio di idrogeno, che una volta nell’aria si mescola con gas, vapori, nebbie, polveri o miscele ibride, tutti elementi presenti all’interno di sistemi di accumulo di energia. La chimica delle batterie di un BESS può anche reagire se esposta a temperature elevate, dovute al calore generato durante i cicli di carica e scarica. La presenza di accumuli di gas o sostanze infiammabili può creare una situazione che aumenta il rischio di instabilità termica.

accumulo

Rilevatori di gas e sistemi di sfiato

Avere rilevatori di gas e sistemi di sfiato aiuta a mitigare la possibilità di esplosione dovuta a sostanze chimiche infiammabili. I rilevatori di gas analizzano la composizione dell’aria per rilevare potenziali pericoli e attivare l’arresto del sistema per prevenire ulteriori rischi. Fungono da sensori che monitorano continuamente la concentrazione di gas infiammabili, dove qualsiasi quantità in eccesso attiva protocolli di sicurezza per fermare questo accumulo. I sistemi di sfiato funzionano per fornire un percorso sicuro per il rilascio dei gas infiammabili fuori dal BESS. Questo tramite valvole che permettono un’uscita controllata dei gas pericolosi.

Gli standard NFPA 69 e NFPA 68 forniscono linee guida per l’installazione e il funzionamento sicuri di BESS in ambienti pericolosi. Queste linee guida includono requisiti per sistemi di ventilazione, rilevamento di gas e soppressione delle esplosioni per mitigare i rischi associati alle operazioni BESS. Ad esempio, sistemi di ventilazione adeguati possono aiutare a controllare la concentrazione di gas e vapori infiammabili rilasciati durante il normale funzionamento o in caso di emergenza, riducendo il rischio di esplosione. Garantire la conformità agli standard NFPA 69 e NFPA 68 per le installazioni BESS è essenziale per la sicurezza del personale e delle strutture in ambienti infiammabili. L’integrazione di misure predittive come i sistemi di rilevamento del gas insieme a misure preventive come i sistemi di ventilazione e di soppressione delle esplosioni consente di gestire efficacemente i rischi legati al BESS e mitigare potenziali esplosioni.

Tag

Related Posts

Il laboratorio di Astronergy è UL Witness Test Data Program

Il laboratorio di Astronergy è UL Witness Test Data Program

Fronius: non solo inverter ma anche batterie e finanziamenti

Fronius: non solo inverter ma anche batterie e finanziamenti

Exide Technologies acquisisce BE-Power per l’accumulo

Exide Technologies acquisisce BE-Power per l’accumulo

Il nuovo presidente di Aggreko per la transizione energetica

Il nuovo presidente di Aggreko per la transizione energetica