Dicembre 7, 2023

Nicola Martello

Chint: cosa bisogna sapere sul combiner box fotovoltaico

Per l’installazione di un impianto fotovoltaico, tutti i pannelli devono essere uniti insieme per produrre energia elettrica. Un combiner box fotovoltaico, come sottolinea Chint, è la chiave per alloggiare una connessione tra i vari pannelli e l’inverter dell’intero sistema.

Lo scopo del combiner box

I quadri fotovoltaici svolgono un ruolo cruciale nei sistemi di pannelli solari, soprattutto negli impianti più grandi. Fungono da punto centralizzato in cui vengono combinati i cablaggi di più pannelli. Ciò consente una configurazione elettrica più organizzata e sicura. Il combiner box incanala quindi l’uscita collettiva in un’unica connessione che porta a un inverter o un regolatore di carica, a seconda del progetto del sistema.

Tuttavia, l’uso dei combiner box va oltre la gestione del cablaggio. Ogni box è dotato di un dispositivo di protezione da sovracorrente integrato, che aiuta a ridurre qualsiasi picco di potenza che potrebbe causare guasti. Ciò contribuisce a prolungare la durata dell’inverter.

Inoltre, alcuni combinatori controllano le apparecchiature in modo da avvisare in caso di problemi. Questi dispositivi richiedono poca manutenzione poiché necessitano di controlli sporadici per individuare eventuali perdite e collegamenti allentati.

Chint – Componenti di un quadro combinato fotovoltaico

Un tipico combiner box fotovoltaico è dotato di diversi componenti essenziali, tra cui:

  • Interruttori automatici scatolati CC (MCCB): proteggono i circuiti in un sistema di generazione di energia solare. Sono adatti per impianti fotovoltaici di maggiore potenza. La maggior parte è certificata per correnti comprese tra 63 A e 630 A
  • Fusibili delle stringhe FV: proteggono dalla sovracorrente interrompendo il flusso di elettricità in caso di incidenti. Ciò impedisce alla corrente di continuare a fluire. Protegge cavi e altre apparecchiature da ulteriori danni
  • Dispositivi di protezione da sovratensione CC (SPD): proteggono il sistema da sovratensioni transitorie. Scaricano le sovratensioni nel terreno, proteggendo l’apparecchiatura a valle da potenziali danni
  • Sezionatore CC o interruttore automatico CC: scollegano o isolano un circuito durante un picco di tensione o un cortocircuito
  • Barra collettrice: si tratta di una striscia metallica conduttiva con punti di connessione multipli che collega numerosi fili in entrata in un’unica unità. La sbarra collettrice viene comunemente utilizzata per combinare i cavi negativi o di terra in entrata dai pannelli solari
  • Morsettiera: funziona come una sbarra collettrice ma è realizzata in materiale composito ABS e non in metallo
  • Contenitore: questa è la scatola fisica in cui sono installati i componenti del combinatore. È realizzato in materiale PV o ABS. Ha un design IP65 che è antipolvere, impermeabile e anti-ultravioletto

Una scatola di combinazione fotovoltaica può anche includere dispositivi di monitoraggio per gestire e controllare le prestazioni del sistema. Questi dispositivi sono disponibili anche con specifiche e dimensioni differenti.

Chint – Come scegliere un combiner box fotovoltaico

Ci sono diversi fattori da considerare quando si seleziona il combiner box per un progetto. Innanzitutto bisogna controllare il numero di canali di ingresso ovvero quanti pannelli solari devono essere uniti insieme all’interno della scatola, che deve essere abbastanza grande da ospitare un cablaggio di dimensioni adeguate. Molte applicazioni commerciali utilizzano cablaggi di maggior diametro rispetto ai progetti residenziali.

La protezione da sovracorrente è un must assoluto quando si acquista un nuovo quadro di combinazione fotovoltaico. Il combiner box deve avere la giusta tensione nominale e protezione da sovracorrente per i pannelli che saranno impiegati. La protezione da sovracorrente di una scatola sarà utile solo quando la sua soglia è sufficientemente alta da assorbire un picco di tensione ragionevole per il sistema in questione.

Infine, bisogna considerare il grado di protezione del combiner box. Ambienti diversi richiedono valori nominali della scatola diversi, per proteggere il cablaggio interno da umidità eccessiva o altri fattori.

I sistemi di energia solare installati in ambienti eccessivamente umidi dovrebbero avere valori di protezione più elevati, per garantire che l’umidità rimanga fuori dalla scatola. In caso contrario, l’usura prematura del cablaggio interno potrebbe danneggiare l’intero sistema.

Chint – Considerazioni sul montaggio di un combiner box

Il combiner box dovrebbe essere montato in una posizione facilmente accessibile, per favorire la manutenzione.

La maggior parte dei produttori consiglia di installare il combiner box in una posizione esposta a nord poiché riceverà più ombra durante il giorno. Posizionare la scatola alla luce solare diretta può causare il surriscaldamento del cablaggio interno.

Di più, è bene montare il combiner box in un luogo relativamente ben protetto dagli elementi naturali, anche se generalmente è resistente alle intemperie. Infine, è meglio scegliere una posizione vicina ai pannelli solari. Ciò riduce al minimo il cablaggio e limita notevolmente il rischio di guasti ai cavi.

Quando usare un combiner box

Il combiner box andrebbe usato quando ci sono più di tre stringhe di pannelli solari. È essenziale per migliorare la protezione dell’inverter e fornire un meccanismo di spegnimento rapido in caso di improvvise fluttuazioni di tensione.

Una scatola combinatrice semplifica il cablaggio all’inverter. Ciò rende il sistema più semplice da gestire e aiuta a risparmiare sui costi.

Conclusioni

I quadri fotovoltaici sono indispensabili quando si tratta di installazioni solari. Chint Global offre un’ampia varietà di quadri fotovoltaici di alta qualità.

Tag

Related Posts

Growatt al KEY Energy 2024 con inverter e batterie

Growatt al KEY Energy 2024 con inverter e batterie

Acp Sgr ed Energred in una joint venture per il fotovoltaico

Acp Sgr ed Energred in una joint venture per il fotovoltaico

Repower Renewable e Theia insieme per l’agrivoltaico

Repower Renewable e Theia insieme per l’agrivoltaico

EDP Energia Italia per il fotovoltaico di Ecologistic

EDP Energia Italia per il fotovoltaico di Ecologistic