Aprile 10, 2024

Nicola Martello

Terna: con l’ora legale circa 90 milioni di euro di risparmi

Secondo le stime di Terna, la società che gestisce la rete elettrica di trasmissione nazionale, durante i sette mesi di ora legale l’Italia risparmierà circa 90 milioni di euro, grazie a un minor consumo di energia elettrica pari a circa 370 milioni di kWh che genererà, inoltre, un rilevante beneficio ambientale, quantificabile nella riduzione di circa 170 mila tonnellate di emissioni di anidride carbonica in atmosfera.

L’ora legale sarà in vigore da domenica 31 marzo, quando alle due di notte bisognerà spostare le lancette avanti di sessanta minuti, e terminerà il 27 ottobre, con il ritorno all’ora solare.

Il beneficio economico dell’ora legale

Il beneficio economico stimato per il periodo di ora legale nel 2024 è calcolato considerando che il costo del kWh medio per il ‘cliente domestico tipo in tutela’ (secondo i dati dell’ARERA) è, attualmente, pari a circa 24,3 centesimi di euro al lordo delle imposte. I circa 370 milioni di kWh di minori consumi di elettricità equivalgono al fabbisogno medio annuo di oltre 150 mila famiglie.

Dal 2004 al 2023, secondo l’analisi della società guidata da Giuseppina Di Foggia, il minor consumo di energia elettrica per l’Italia dovuto all’ora legale è stato complessivamente di circa 11,7 miliardi di kWh e ha comportato, in termini economici, un risparmio per le persone di circa 2,2 miliardi di euro.

I dati in tempo reale sull’esercizio del sistema elettrico nazionale sono, inoltre, consultabili sull’app di Terna disponibile negli store Google Android e Apple iOS.

Tag

Related Posts

Bolletta: gli italiani hanno speso + 23% della media UE

Bolletta: gli italiani hanno speso + 23% della media UE

In Italia molte aziende con rating ESG non sono validate

In Italia molte aziende con rating ESG non sono validate

Sistemi di accumulo di Energy S.p.A. per l’Austria

Sistemi di accumulo di Energy S.p.A. per l’Austria

Italia Solare: miope il Governo sul fotovoltaico a terra

Italia Solare: miope il Governo sul fotovoltaico a terra