Aprile 30, 2024

Nicola Martello

Zongoli di SENEC: le industrie devono guidare la transizione

Agevolare la transizione delle aziende italiane è una necessità, anche e soprattutto a seguito delle politiche energetiche avviate a partire dal 2023 dal Parlamento Europeo, tra le quali una delle principali è la Direttiva sull’utilizzo delle Energie Rinnovabili, che fissa al 42,5% l’obiettivo vincolante di utilizzo di energia rinnovabile nel computo totale di tutta l’Unione Europea entro il 2030.

Nel solco delle misure promosse a livello UE, il Piano Transizione 5.0 approvato dal Governo Italiano rappresenta un’occasione da non perdere per le imprese, un passo avanti fondamentale nel cambiamento digitale ed ecologico. In qualità di azienda che opera nel settore del fotovoltaico e dell’accumulo energetico, SENEC Italia recepisce questo decreto che coglie l’urgente necessità di un cambio di passo in questa direzione.

Il Piano Transizione 5.0 incentiva la trasformazione digitale e green delle imprese italiane riconoscendo crediti di imposta fino al 63% alle aziende che, nel corso del biennio 2024-2025, investiranno in fonti rinnovabili ed efficienza energetica producendo una significativa e certificata riduzione dei consumi. Questa misura nel complesso vale 6,3 miliardi di euro, un numero che ben rappresenta lo stimolo che il Governo Italiano intende dare alla sostenibilità energetica del settore industriale nazionale, favorendo lo sviluppo e l’adozione di tecnologie innovative e più attente all’ambiente.

Vito Zongoli, amministratore delegato di SENEC Italia
L’Italia ha il potenziale per diventare capofila in Europa nel percorso verso un sistema energetico più green e il Piano Transizione 5.0 è un ottimo strumento per accelerare questo processo. Siamo pronti a giocare un ruolo da protagonista in questo momento storico, in cui è quanto mai necessario raggiungere due obiettivi: crescita del settore industriale italiano e riduzione dell’impatto ambientale. Le nostre soluzioni fotovoltaiche integrate, abbinate a sistemi di accumulo intelligenti, rappresentano la chiave per una gestione efficiente e sostenibile dell’energia. Con il Piano Transizione 5.0, ci aspettiamo un’accelerazione del mercato del fotovoltaico, con un aumento significativo delle richieste da parte dell’industria. Siamo orgogliosi di avere nel nostro portafoglio prodotti che permettono alle aziende di estendere il credito di imposta anche all’acquisto di un impianto fotovoltaico. Una delle prerogative principali per farlo, infatti, è impiegare pannelli ad alta efficienza prodotti sul territorio europeo.

Un approccio consulenziale

Utilizzando un approccio consulenziale, SENEC Italia propone all’azienda un servizio chiavi in mano che va dalla scelta della soluzione più indicata per l’azienda alla progettazione degli impianti, dalla fornitura dei materiali e delle tecnologie, inclusi i sistemi di accumulo industriale, all’installazione e collaudo fino alla gestione e manutenzione nel tempo. Le opzioni a cui può accedere un’impresa sono molteplici: attraverso i Power Purchase Agreement (PPA), le aziende possono, senza investimento di capitale, rifornirsi di energia elettrica green ad un prezzo basso e fisso per 10-20 anni a fronte della concessione di una superficie per installare un impianto fotovoltaico.

In alternativa, istituendo o prendendo parte ad una Comunità Energetica Rinnovabile (CER) con l’aiuto di SENEC Italia, le aziende possono usufruire di ulteriori benefici economici previsti per queste nuove realtà che permettono di condividere l’energia solare con altri membri, ad esempio i dipendenti dell’azienda stessa.

Senec punta tutto sull’efficientamento energetico b2c e b2b

Vito Zongoli
Conoscere in anticipo il prezzo dell’energia che si andrà a pagare in bolletta, per una grande impresa energivora è, a nostro avviso, un impagabile valore aggiunto. Inoltre, crediamo da sempre nell’importanza delle Comunità Energetiche Rinnovabili e supportiamo le aziende a 360° nella loro creazione e gestione, dalla costituzione dell’ente giuridico alla definizione del business plan fino all’amministrazione ordinaria ed economico-finanziaria. Proprio in questi giorni, abbiamo partecipato alla costituzione della CER RADICI Rinnovabili di Bisaccia (Avellino), che ufficializzeremo a breve. Le CER avranno un ruolo chiave nella transizione energetica, favorendo l’uso di fonti pulite e riducendo l’inquinamento. Permetteranno di avere accesso a guadagni aggiuntivi tramite gli incentivi e creeranno al contempo nuovi posti di lavoro e opportunità economiche. Una CER, in definitiva, rappresenta un modello innovativo per un futuro energetico più sostenibile.

Tag

Related Posts

Osservatorio FER Marzo 2024: rinnovabili in crescita

Osservatorio FER Marzo 2024: rinnovabili in crescita

SolarEdge nomina il nuovo General Manager per l’Europa

SolarEdge nomina il nuovo General Manager per l’Europa

Rinnovabili: EF Solare Italia acquisisce SCS Ingegneria

Rinnovabili: EF Solare Italia acquisisce SCS Ingegneria

Prestazione energetica: oltre il 75% degli edifici UE è inefficiente

Prestazione energetica: oltre il 75% degli edifici UE è inefficiente