Settembre 19, 2011

Giovanni Corti

Derbigum, con Derbisolar è partner degli operatori del fotovoltaico

Derbigum grazie a soluzioni per l’impermeabilizzazione dei tetti e l’integrazione con impianti in silicio amorfo a film sottile, si conferma partner qualificato degli installatori di impianti fotovoltaici.

Derbigum grazie a soluzioni per l’impermeabilizzazione dei tetti e l’integrazione con impianti in silicio amorfo a film sottile, si conferma partner qualificato degli installatori di impianti fotovoltaici.

Grazie alla stabilità degli incentivi che lo riguardano, Derbisolar, riconosciuto dal IV Conto Energia come tecnologia a totale integrazione (BIPVBuilding Integrated Photovoltaics), rappresenta una delle opzioni che suscitano maggiore interesse.

Nello specifico, Derbigum Derbisolar è un sistema che unisce la membrana Derbisolar Base ai moduli fotovoltaici di tipo amorfo prodotti da Unisolar (modello PVL-68, PVL-136 e PVL-144), mentre i cavi sono alloggiati in una canalina esterna, accessibile per qualuque operazione di ispezione.

I vantaggi di Derbisolar possono essere trovati nell’infrangibilità delle celle, in quanto incapsulate nella plastica e non nel vetro. Gli stessi moduli sfruttano la tecnologia “a tripla giunzione”, che permette una buona resa perché sfruttano l’irraggiamento solare diffuso. I pannelli inoltre non necessitano di pesanti strutture metalliche per l’ancoraggio. Sistema quest’ultimo che sovraccarica il solaio e crea un eventuale effetto “vela”.

L’impianto è leggero (circa 3,4 kg/m2) e ha un limitato impatto estetico, perché, a differenza dei classici moduli cristallini, è integrato direttamente all’impermeabilizzazione del tetto ed è praticamente invisibile dal basso. Valido quindi per coperture che presentano problemi di vincolo paesaggistico, di orientamento non ideale (grazie alla tripla giunzione), di bassa portata e di geometrie irregolari dei tetti. Derbisolar è quindi indicato anche per le coperture particolari che non sono perfettamente idonee a ricevere un impianto fotovoltaico.

Questa tecnologia vanta già numerose referenze a livello europeo: il polo fieristico Flanders Expo in Belgio (una superficie totale di 53.000 m², della potenza di 1,87 MWp) e il Palexpo di Ginevra (per un totale di 61.600 m² e della potenza totale stimata di 4,2 MWp). I moduli fotovoltaici vengono posati senza praticare alcun foro sulla copertura, garantendo quindi la tenuta idraulica del sistema impermeabilizzante.

Related Posts

SolarEdge Home a MCE 2022

SolarEdge Home a MCE 2022

BayWa r.e. a MCE: “Ripensa la tua energia, con noi”

BayWa r.e. a MCE: “Ripensa la tua energia, con noi”

Perché la sostenibilità guadagna sempre più terreno

Perché la sostenibilità guadagna sempre più terreno

Riciclo batterie al piombo, il nuovo impianto Sunlight Group

Riciclo batterie al piombo, il nuovo impianto Sunlight Group