Ottobre 3, 2023

Nicola Martello

Selectra: il Servizio di Maggior Tutela sta per finire

Selectra evidenzia che il Servizio di Maggior Tutela sta per finire e in un anno il costo dell’energia è sceso del 73%: tornano offerte fisse e rincari.

In vista dell’autunno e dell’inverno, gli italiani cominciano a fare i conti per quanto riguarda gas ed elettricità. Bisogna infatti considerare da una parte il possibile aumento dei prezzi, tanto che il Governo ha messo in campo con il nuovo decreto energia provvedimenti per alleggerire le bollette di famiglie e imprese, e dall’altra il passaggio obbligatorio dal Mercato Tutelato a quello Libero, previsto a gennaio 2024 per il gas e ad aprile 2024 per l’energia elettrica, e per il quale non sono ad ora scattate proroghe.

La buona notizia è che il mercato energetico dà segnali del ritorno alla normalità. Rispetto al picco di un anno fa, i prezzi dell’energia elettrica sono scesi del circa 73%: da 430 €/MWh a settembre del 2022, il Prezzo Unico Nazionale (PUN) oggi è tornato ai livelli di due anni fa e si attesta sui 115 €/MWh. Un simile trend si verifica anche per il gas. Un altro segnale di normalizzazione è rappresentato dal ritorno nel Mercato Libero delle offerte a prezzo fisso.

Praticamente scomparse un anno fa, le offerte a prezzo fisso oggi vengono proposte dalla metà dei principali fornitori monitorati da Selectra. Se nel Servizio di Maggior Tutela il prezzo dell’energia elettrica cambia ogni trimestre per la luce e mensilmente per il gas, nel Mercato Libero il fornitore può stabilire il suo prezzo e consentire agli utenti di scegliere tra offerte a prezzo indicizzato o fisso. Le offerte a prezzo indicizzato seguono l’andamento dei mercati all’ingrosso, mentre le offerte a prezzo fisso sono bloccate per un preciso periodo di tempo, che solitamente è di 12 mesi.

Inoltre, sottolinea Selectra, per l’energia elettrica sono comparse offerte “ibride” interessanti, ovvero delle tariffe variabili che prevedono però un tetto massimo di prezzo, così da tutelare i consumatori in caso di rincari eccessivi.

Antoine Arel, co-fondatore di Selectra Italia
In previsione della prossima chiusura del Servizio di Maggior Tutela, per individuare le migliori offerte disponibili sul Mercato Libero è fondamentale tenere conto dell’andamento dei prezzi dell’energia. In generale, quando i prezzi sono in rialzo, conviene un’offerta fissa che protegge il consumatore da ulteriori rincari, e viceversa quando i prezzi all’ingrosso tendono a scendere. In questo momento, in un mercato più stabile rispetto ai mesi passati, consiglierei di scegliere un’offerta variabile, monitorando l’andamento del mercato mese dopo mese, per passare poi a un’offerta fissa nel caso dovessimo vedere un trend a rialzo. In alternativa, per chi preferisce avere più sicurezza da subito, l’opzione più semplice è scegliere direttamente un’offerta a prezzo fisso tra le più convenienti del mercato, che copre l’utente da potenziali aumenti nei mesi più freddi.

Come muoversi in vista della chiusura del Servizio di Maggior Tutela

Proprio per supportare i consumatori a orientarsi in questo momento di transizione verso il Mercato Libero, Selectra mette a disposizione il portale mercato-libero.it che consente di scoprire, semplicemente inserendo il nome del proprio fornitore attuale, se si è potenzialmente ancora nel Servizio di Maggior Tutela o se si è già passati al Mercato Libero e di monitorare l’andamento del mercato.

Inoltre, Selectra risponde ai dubbi più comuni per non sbagliare nel passaggio tra Tutelato e Libero e per scegliere la migliore fornitura del momento.

Passare al Mercato Libero è gratuito?
Il passaggio da un fornitore del Servizio di Maggior Tutela a un fornitore del Mercato Libero è gratuito, come anche il cambio fornitore all’interno del Mercato Libero. Inoltre, non bisogna temere interruzioni di energia elettrica o gas metano: sono necessari dei tempi tecnici per il passaggio, ma non c’è il rischio di rimanere senza servizi. Nel Mercato Libero inoltre l’utente può attivare entrambe le utenze, sia luce che gas, con lo stesso fornitore.

Occorre sostituire il contatore?
Nel passaggio dal Mercato Tutelato al Libero, non sono necessarie modifiche tecniche agli impianti elettrici o al contatore di luce e gas. L’energia elettrica e il gas metano forniti resteranno infatti gli stessi: a cambiare sarà la società di vendita, non quella distributrice.

Come cambiare gestore?
Il nuovo contratto di energia elettrica o gas può essere sottoscritto in pochi minuti sia telefonicamente sia online, oltre che in un punto vendita. Una volta sottoscritto il contratto di fornitura, il nuovo gestore scelto si occuperà di comunicare al distributore locale e al vecchio fornitore il passaggio.

Tag

Related Posts

FuturaSun Silk Nova EU, il fotovoltaico conforme a Transizione 5.0

FuturaSun Silk Nova EU, il fotovoltaico conforme a Transizione 5.0

Zongoli di SENEC: le industrie devono guidare la transizione

Zongoli di SENEC: le industrie devono guidare la transizione

FuturaSun: le caratteristiche che i moduli devono avere

FuturaSun: le caratteristiche che i moduli devono avere

PNIEC/Assistal – Confindustria: troppe norme poco chiare

PNIEC/Assistal – Confindustria: troppe norme poco chiare