Marzo 18, 2024

Nicola Martello

Energy e Higeco Energy insieme per lo sviluppo delle CER

Energy S.p.A., società italiana che opera nei sistemi di accumulo per l’energia da fonte rinnovabile (ESS, Energy Storage System), annuncia l’avvio di una collaborazione con Higeco Energy finalizzata allo sviluppo di Comunità Energetiche Rinnovabili (CER), in cui i sistemi di accumulo di Energy saranno una componente fondamentale della comunità.

Higeco Energy Srl, startup partecipata dal GRUPPO HIGECO, dal 2008 sviluppa soluzioni IOT per il mondo del monitoraggio e del telecontrollo in differenti ambiti di mercato. Specializzata nel monitoraggio energetico per l’industria, Higeco Energy Srl si impegna a fornire soluzioni avanzate di energy management, progettate per ridurre sprechi ed inefficienze e ottimizzare l’utilizzo delle risorse energetiche. Inoltre, attraverso la sua divisione MyCER, Higeco Energy Srl si dedica allo sviluppo e alla gestione delle comunità energetiche rinnovabili.

La collaborazione con Higeco Energy andrà a integrare la linea di prodotti energetici delle due aziende e coinvolgerà le due società in progetti innovativi che possono beneficiare dell’utilizzo di sistemi di accumulo, ponendo grande attenzione allo sviluppo dell’area R&D. Inverter, PCS e sistemi di accumulo dell’energia sono infatti componenti fondamentali in un impianto fotovoltaico e in applicazioni di Comunità Energetiche. L’uso dell’energia rinnovabile immessa in rete e prelevata dai consumatori è la chiave per massimizzare i benefici economici ed ambientali di una CER e, tramite la piattaforma MyCER, è sempre possibile tracciare i flussi di energia andando a determinare quando è conveniente prelevare o accumulare dalla rete.

Gli obiettivi della collaborazione sono:

  • L’integrazione tecnologica della linea di prodotti energetici delle due aziende
  • La condivisione in via confidenziale delle caratteristiche tecniche dei propri prodotti
  • La condivisione in via confidenziale dei dati energetici dei propri clienti più rilevanti dal punto di vista dei propri flussi energetici per i progetti congiunti
  • Il coinvolgimento reciproco in progetti di ricerca e/o innovativi che possono beneficiare dall’utilizzo di sistemi di accumulo

L’incremento delle configurazioni di autoconsumo collettivo

L’accordo ha l’obiettivo di cogliere il momentum dato dall’incremento, negli ultimi mesi, delle configurazioni di autoconsumo collettivo (AC) e delle comunità energetiche (CER), anche sulla spinta della pubblicazione del decreto italiano sulle CER, entrato a tutti gli effetti in vigore il 24 gennaio 2024, dopo la registrazione della Corte dei Conti e, in precedenza, l’approvazione della Commissione europea. Se a fine 2022 si registravano 46 casi di autoconsumo collettivo e 21 CER, a fine giugno 2023 risultano rispettivamente 74 configurazioni di AC e 35 CER. A fornire i dati è il rapporto “Energia e Clima in Italia” del GSE, che stima come, in termini di potenza, a metà giugno 2023 risultino 2,7 MW, tutti da fonte fotovoltaica, di cui oltre il 56% relativi a comunità energetiche.

Energy S.p.A., consapevole del valore dell’opportunità derivante dalle Comunità Energetiche, si era già in passato attivata sia a livello di sperimentazione (fornendo i propri prodotti come base per dei test accademici sulle CER) sia preparando il proprio business. Oggi è già posizionata per essere a servizio delle Comunità Energetiche Rinnovabili ed è in grado di offrire servizi avanzati per il controllo e la gestione da remoto di sistemi di produzione, stoccaggio e consumo di energia, la tipologia di sistemi necessari alla gestione delle CER.

Andrea Taffurelli, CTO, Co-Founder e Responsabile R&D di Energy S.p.A.
Questa collaborazione è un’altra testimonianza del nostro impegno a operare da leader nel settore della transizione energetica. Come dimostra l’importante quota del nostro fatturato che ogni anno viene dedicato allo sviluppo del settore R&D, continuare a sviluppare soluzioni e prodotti sempre più efficienti e sostenibili è una priorità per Energy. Siamo stati tra i primi a scommettere sul potenziale delle CER, quando ancora non si chiamavano così, mettendo a disposizione i nostri sistemi per la sperimentazione accademica. Ora i nostri sistemi di accumulo saranno una parte fondamentale per il funzionamento delle Comunità Energetiche Rinnovabili, facilitando l’autoconsumo per famiglie e imprese.

Alessio Salatin, Amministratore Delegato
Nel panorama italiano delle Comunità Energetiche Rinnovabili si contano ad oggi poco meno di 100 progetti attivi, di cui la metà basati sulla piattaforma MyCER nelle sue declinazioni White Label. Questo ci ha permesso di acquisire know how e maturare un’esperienza a valore per i futuri progetti di configurazione energetica che nei prossimi anni si costituiranno in Italia. Il principio che sta alla base delle CER è usare l’energia nella stessa ora in cui gli impianti a fonte rinnovabile la immettono e per tale motivo una gestione attiva degli accumuli in campo può massimizzare i benefici economici ed ambientali. L’integrazione delle soluzioni MyCER con i sistemi di accumulo di Energy S.p.A. guarda proprio a questo obiettivo.

Tag

Related Posts

Valbormida: oltre 13 GWh annui di energia green da Shell

Valbormida: oltre 13 GWh annui di energia green da Shell

Report: troppo poche le spese dedicate alle iniziative green

Report: troppo poche le spese dedicate alle iniziative green

Exide Technologies acquisisce BE-Power per l’accumulo

Exide Technologies acquisisce BE-Power per l’accumulo

Viessmann per l’agrivoltaico, ecco come sono gli incentivi

Viessmann per l’agrivoltaico, ecco come sono gli incentivi