Giugno 15, 2024

Nicola Martello

Qcells e Lumet per la metallizzazione delle celle solari

Qcells e Lumet hanno annunciato che Qcells diventerà la prima azienda solare fotovoltaica al mondo a implementare la tecnologia di metallizzazione fine-line di Lumet per le sue linee di celle solari fotovoltaiche. Qcells attualmente gestisce la più grande fabbrica di moduli solari del suo genere negli Stati Uniti e ha annunciato il più grande investimento nella storia del solare statunitense per costruire una catena di fornitura solare completa e sostenibile in America.

L’adozione dell’energia solare in tutto il mondo è stata guidata dalla necessità della società di sostituire la propria dipendenza dai combustibili fossili con energia pulita e rinnovabile. Oggi, l’energia solare è la fonte di energia a più rapida crescita – e a più basso costo – del pianeta, il risultato dell’incessante ricerca del settore per migliorare l’efficienza delle celle solari e ridurre i costi di produzione.

La fase di metallizzazione

Il costo più grande della produzione di celle solari è la fase di metallizzazione, in cui le piste conduttive d’argento (collettori) vengono serigrafati sulla superficie della cella. L’industria ha cercato a lungo di ridurre la larghezza delle piste, sia per diminuire il consumo di argento (meno costi) sia per ridurre l’ombreggiamento della luce (aumentare l’efficienza). Tuttavia, le tecnologie di stampa serigrafica si sono ormai stabilizzate su piste di larghezza di circa venti micron e non sono quindi in grado di fornire i miglioramenti in termini di efficienza e costi ricercati dal settore.

La tecnologia di metallizzazione fine-line di Lumet, in grado di produrre piste di larghezza anche inferiori a dieci micron, consentirà ai produttori di celle solari fotovoltaiche di ottenere ora sia una maggiore efficienza delle celle sia costi inferiori.

Danielle Merfeld, EVP e Global Chief Technology Officer di Qcells
Dopo lunghe valutazioni e test, Qcells ha deciso di adottare la tecnologia di metallizzazione Lumet per le sue future linee di celle solari fotovoltaiche. Vediamo un enorme potenziale nella tecnologia di metallizzazione Lumet, che rappresenta una svolta su più fronti, stabilendo record per le linee più fini, i costi più bassi, la massima efficienza, la massima velocità e il minimo ingombro. Inoltre, con l’impegno di Qcells nell’espansione della nostra produzione con sede negli Stati Uniti, il basso CAPEX e l’elevato livello di automazione dei sistemi Lumet sono molto interessanti. Per tutti questi motivi, siamo entusiasti che Qcells sarà il primo a introdurre questa tecnologia sul mercato e non vediamo l’ora di compiere ulteriori passi per approfondire la nostra partnership strategica con Lumet.

celle

Didascalia: Celle solari in silicio metallizzato Lumet

celle

Didascalia: Pista Lumet su cella solare in silicio in grado di raggiungere larghezze inferiori a dieci micron, consentendo ai produttori di celle solari fotovoltaiche di ottenere una maggiore efficienza delle celle e costi inferiori.

Tag

Related Posts

Il primo progetto solare utility scale di EDP in Italia

Il primo progetto solare utility scale di EDP in Italia

Osservatorio FER Marzo 2024: rinnovabili in crescita

Osservatorio FER Marzo 2024: rinnovabili in crescita

SolarEdge nomina il nuovo General Manager per l’Europa

SolarEdge nomina il nuovo General Manager per l’Europa

Schletter per il progetto fotovoltaico da 80 MWp EnBW

Schletter per il progetto fotovoltaico da 80 MWp EnBW