Febbraio 8, 2024

Nicola Martello

First Solar inaugura un impianto di produzione in India

First Solar ha inaugurato il suo nuovo stabilimento nel Tamil Nadu, in India, il primo impianto di produzione solare completamente integrato verticalmente del paese. Il Ministro dell’Industria, della Promozione e del Commercio del Governo del Tamil Nadu, T R B Rajaa, ha inaugurato la struttura nel corso di una cerimonia alla quale hanno partecipato l’Ambasciatore degli Stati Uniti in India, Eric Garcetti, e Scott Nathan, Amministratore Delegato della International Development Finance Corporation degli Stati Uniti. (DFC).

L’impianto, che ha una capacità nominale annua di 3,3 GW e impiega direttamente circa 1.000 persone, produce moduli solari fotovoltaici Serie 7 di First Solar, che sono stati sviluppati presso i centri di ricerca e sviluppo dell’azienda negli Stati Uniti e ottimizzati per il mercato indiano. First Solar è unico tra i maggiori produttori di energia solare al mondo perché è l’unica azienda con sede negli Stati Uniti. Il semiconduttore a base di tellurio dell’azienda, che le consente di evitare la dipendenza dalle catene di approvvigionamento cinesi del silicio cristallino, è la seconda tecnologia fotovoltaica più comune oggi disponibile.

Rappresentando un investimento di circa 700 milioni di dollari, che include 500 milioni di dollari di finanziamenti DFC precedentemente annunciati, l’impianto è il sesto stabilimento operativo di First Solar ed espande l’impronta produttiva globale dell’azienda in quattro paesi, tra cui Stati Uniti, Malesia e Vietnam.

Una strategia di espansione produttiva

Dall’inizio di questo decennio, First Solar ha intrapreso una strategia di espansione produttiva da 4,1 miliardi di dollari che l’ha vista crescere da circa 6 GW operativi nel 2020 a oltre 16 GW di capacità nominale globale alla fine del 2023. Oltre alla sua struttura in India, l’azienda ha inoltre commissionato il suo terzo stabilimento statunitense, situato in Ohio, nel 2023. L’azienda sta ulteriormente ampliando la propria presenza negli Stati Uniti con un’espansione di 0,9 GW del suo complesso produttivo in Ohio e nuovi stabilimenti negli stati di Alabama e Louisiana, ciascuno dei quali si prevede che aggiungerà 3,5 GW di capacità nominale annuale, una volta messo in servizio e potenziato. La società prevede di avere 25 GW di capacità nominale annuale globale entro il 2026.

Mark Widmar, CEO di First Solar
L’inaugurazione di questo impianto di produzione e il lancio delle spedizioni commerciali ai clienti in India rappresentano una pietra miliare cruciale nel nostro viaggio verso una crescita sostenibile a lungo termine. La velocità con cui siamo stati in grado di costruire e mettere in funzione questa struttura è una testimonianza delle politiche dei governi federale indiano e dello stato del Tamil Nadu. Siamo orgogliosi dei nostri dipendenti che hanno lavorato instancabilmente per replicare e adattare il nostro modello avanzato di produzione solare per l’India. Grazie al loro lavoro, la nostra nuova struttura non definisce solo gli standard per la nostra impronta produttiva globale, ma per il nostro settore.

Si ritiene che la fabbrica, che si trova in un’area ad elevato stress idrico, sia il primo impianto di produzione solare al mondo a prelievo di acqua netto zero. Progettato per ridurre al minimo l’impatto sulle risorse idriche locali, l’impianto si baserà interamente sull’acqua a osmosi inversa trattata terziaria proveniente dall’impianto di trattamento delle acque reflue della città e non avrà scarichi di acque reflue. Inoltre, la fabbrica ospita il primo impianto di riciclaggio solare fotovoltaico dell’India. L’azienda è stata pioniera nel riciclaggio solare ad alto valore, che fornisce il recupero di semiconduttori da utilizzare in nuovi moduli, recuperando anche altri materiali tra cui alluminio, vetro e laminati.

Il modulo Serie 7 prodotto dal nuovo impianto è il più eco-efficiente del settore con un’impronta di carbonio e acqua che è circa quattro volte inferiore rispetto ai pannelli solari in silicio cristallino prodotti in Cina. L’approccio produttivo sostenibile dell’azienda utilizza il 50% in meno di energia e solo un terzo dell’acqua rispetto a quanto richiederebbe un equivalente impianto di produzione di moduli in polisilicio.

Tag

Related Posts

Telis Energy in Italia con progetti per le rinnovabili

Telis Energy in Italia con progetti per le rinnovabili

KEY: green skills, decarbonizzazione, elettrificazione sostenibile

KEY: green skills, decarbonizzazione, elettrificazione sostenibile

KEY 2024, premi alla memoria del presidente Lorenzo Cagnoni

KEY 2024, premi alla memoria del presidente Lorenzo Cagnoni

ABB a KEY – The Energy Transition Expo per le rinnovabili

ABB a KEY – The Energy Transition Expo per le rinnovabili