Dicembre 13, 2012

Cristiano Sala

Enerpoint e la ricerca “Fotovoltaico: Quale futuro?”

L’impatto del V Conto Energia sul business degli operatori e l’attuale momento di incertezza sono stati analizzati da Enerpoint, che ne riassume gli esiti con la ricerca “Fotovoltaico: Quale futuro?”.

L’impatto del V Conto Energia sul business degli operatori e l’attuale momento di incertezza sono stati analizzati da Enerpoint, che ne riassume gli esiti con la ricerca “Fotovoltaico: Quale futuro?”.

Il mercato del fotovoltaico è attualmente messo a dura prova da molteplici fattori, molti installatori e professionisti si interrogano sul futuro che attende questo comparto.
Enerpoint ha sottoposto una serie di quesiti a oltre 1.400 operatori del settore (tra i 25 e 64 anni), a circa due mesi dall’entrata in vigore del V Conto Energia e si è resa disponibile ad ascoltare dubbi e timori degli installatori.
Secondo il 77,6% del campione intervistato, l’ultimo Conto Energia ha avuto un impatto negativo sul business, aumentando le perplessità e le paura di possibili cali del fatturato. Solo il 15,9% considera l’impatto minimo e sta rimodulando il suo modello di business.
Le problematiche maggiori derivano dalla instabilità legislativa e dall’ingresso del registro, secondo il 49,7% degli intervistati, mentre il 34,4% è spaventato dalle difficoltà legate ai complicati iter burocratici. C’è poi chi ha registrato una flessione degli affari per motivi finanziari e per la crisi economica, ben l’11,3% del totale. Agli intervistati è stato chiesto quale aspetto sarebbe opportuno cambiare nel V Conto Energia, il 42% modificherebbe il Registro impianti, mentre il 24% le nuove modalità di incentivazione e in particolare il passaggio alla tariffa omnicomprensiva e a quella per l’autoconsumo. Un’ultima fetta, pari al 10%, cambierebbe il limite massimo di spesa, ora fissato a 6,7 miliardi l’anno.

 

Paolo Rocco Viscontini, presidente e AD di Enerpoint, commenta così i risultati della ricerca: “I dati emersi dalla ricerca rispecchiano la difficile situazione del mercato italiano e denunciano la continua instabilità normativa, la poca chiarezza e l’eccessiva burocrazia introdotta dal V Conto Energia. Confido tuttavia nella capacità di reagire degli operatori del fotovoltaico. Il nostro comparto, con garanzie di continuità, può favorire in modo strategico la ripresa economica del Paese.”

Tag

Related Posts

Report: troppo poche le spese dedicate alle iniziative green

Report: troppo poche le spese dedicate alle iniziative green

DSV: energia 100% rinnovabile per la sostenibilità

DSV: energia 100% rinnovabile per la sostenibilità

EDP installerà pannelli solari sui tetti di Decathlon

EDP installerà pannelli solari sui tetti di Decathlon

CCL Energy Group e Trina Solar: accordo quadro da 1,2 GW

CCL Energy Group e Trina Solar: accordo quadro da 1,2 GW