Gennaio 3, 2012

Cristiano Sala

Enel Green Power e Barefoot College contro l’energy divide

L’obiettivo principale a fondamento della partnership tra Enel Green Power e Barefoot College è lo sviluppo delle aree rurali dei paesi in via di sviluppo. Si intende portare energia elettrica laddove non sia ancora disponibile e realizzare un piano di crescita di queste aree. Ad oggi, circa 1,4 miliardi di persone nel mondo non ha accesso all’elettricità.

L’obiettivo principale a fondamento della partnership tra Enel Green Power e Barefoot College è lo sviluppo delle aree rurali dei paesi in via di sviluppo. Si intende portare energia elettrica laddove non sia ancora disponibile e realizzare un piano di crescita di queste aree. Ad oggi, circa 1,4 miliardi di persone nel mondo non ha accesso all’elettricità.

Barefoot College è un’organizzazione non governativa fondata e diretta da Sanjit Bunker Roy, che si pone come obiettivo lo sviluppo delle aree più povere del mondo, trasformandole in ambienti autosufficienti e sostenibili. Secondo Sanjit, per poter fare questo è necessario portare l’energia elettrica alle comunità e formare in modo adeguato le donne, nella maggior parte dei casi semi-analfabete, che appartengono a quella regione e ai paesi locali. In questo caso, la scelta di donne come partner non è casuale: “sono quelle che sicuramente non lasceranno le comunità d’appartenenza”.

Ad oggi, Barefoot College conta circa 300 donne tra i 35 e i 60 anni, grazie alle quali più di 30mila abitazioni in 25 paesi avranno accesso all’energia elettrica. Nel progetto di sostegno della società, queste donne si preparano a diventare “ingegneri solari Barefoot” e, nell’arco di sei mesi, vengono messe in condizione di installare, riparare e mantenere i pannelli fotovoltaici e le apparecchiature a essi collegate.

Ora, con l’appoggio di Enel Green Power, questo modello verrà esportato in America Latina, tramite il primo accordo che Barefoot College stringe con un partner privato. Il progetto di collaborazione è risultato essere in linea con la politica di responsabilità e impegno di Enel per il miglioramento delle condizioni di vita nelle comunità più disagiate. EGP coopera con i governi dei paesi in cui il Gruppo è presente per colmare l’energy divide che separa le società più evolute dai paesi poveri del mondo.

Enel Green Power, con i numerosi progetti portati a compimento negli ultimi anni, ha dato accesso all’elettricità a più di 1 milione di persone e conta di raddoppiare questa cifra nei prossimi tre anni, attraverso il programma Enabling Electricity.

Related Posts

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Transizione energetica e fotovoltaico: intervista a Christian Carraro di SolarEdge

Transizione energetica e fotovoltaico: intervista a Christian Carraro di SolarEdge

Sunlight Group, presentati i risultati finanziari H1 2022

Sunlight Group, presentati i risultati finanziari H1 2022