Settembre 8, 2011

Cristiano Sala

IBC Solar e agricola “Francia”, sostenibilità ambientale

IBC Solar, in collaborazione con l’azienda agricola “Francia” di Frossasco, in provincia di Torino, e i partner locali Energypiù e Santoli Impianti, ha realizzato un impianto fotovoltaico da 193 kWp. Per la costruzione sono stati impiegati moduli policristallini IBC PolySol TE e LS e inverter di stringa IBC ServeMaster.

IBC Solar, in collaborazione con l’azienda agricola “Francia” di Frossasco, in provincia di Torino, e i partner locali Energypiù e Santoli Impianti, ha realizzato un impianto fotovoltaico da 193 kWp. Per la costruzione sono stati impiegati moduli policristallini IBC PolySol TE e LS e inverter di stringa IBC ServeMaster.

Il business dell’azienda agricola “Francia” è incentrato sull’allevamento di bovini da carne e, per sottolineare l’attenzione e la qualità con le quali si svolgono le attività e incrementare il valore della produzione, il titolare ha fortemente voluto la realizzazione dell’impianto fotovoltaico.

Durante la progettazione si è dovuto tenere conto delle numerose tettoie presenti nella struttura, caratterizzate da esposizioni variabili, da ovest a sud. Questa disposizione ha richiesto una progettazione attenta e una particolare ottimizzazione delle stringhe di pannelli, al fine di raggiungere il miglior rendimento possibile. L’impianto, operativo dal 4 aprile 2011, è stato realizzato secondo due step successivi, con una prima fase di 150 kWp e una seconda per ulteriori 50 kWp.

Sono stati installati moduli policristallini di due linee di prodotto di IBC Solar: IBC PolySol TE, della Premium Line e di produzione esclusivamente europea, e IBC PolySol LS, della Eco Line, di provenienza non europea. Questi pannelli sfruttano celle con struttura acida, in grado di assicurare un elevato assorbimento della luce, con una tolleranza sulla potenza di 0/+5 Wp. Si tratta di prodotti progettati per ogni condizione climatica e adeguati per ambienti con elevati livelli di ammoniaca. Sul fronte inverter, invece, sono state integrate 14 unità IBC ServeMaster 15.000 TL.

IBC Solar e agricola “Francia”, sostenibilità ambientale

“La collaborazione con Energypiù ci ha consentito di conoscere e scegliere i prodotti IBC PolySol TE e LS, che ci stanno garantendo non solo un ottimo livello di rendimento ma un risparmio di circa 128,56 t di anidride carbonica e 52,28 TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) annue. Nel primo trimestre chiuso (aprile, maggio e giugno) si stimavano 64 MWh di produzione, a fronte dei 67 MWh positivamente raggiunti”, ha dichiarato Giuseppe Francia, titolare dell’azienda agricola “Francia”. “L’implementazione dell’impianto foto-voltaico nasce da una nuova coscienza e particolare sensibilità nei confronti dell’ambiente, caratteristiche che contraddistinguono fortemente questa azienda agricola”.

“Abbiamo scelto i pannelli certificati IBC Solar in quanto si distinguono sul mercato italiano in termini di qualità e affidabilità, consentendoci di soddisfare le più svariate esigenze del mercato”, ha annunciato Marco Crema di Energypiù. “La nostra partnership con IBC Solar, garanzia di elevata qualità, conferma la piena fiducia nell’azienda, maturata grazie ad anni di esperienze e numerosi successi, che si riflettono an-che sulla qualità del nostro lavoro insieme.”

Related Posts

SolarEdge Home a MCE 2022

SolarEdge Home a MCE 2022

BayWa r.e. a MCE: “Ripensa la tua energia, con noi”

BayWa r.e. a MCE: “Ripensa la tua energia, con noi”

Perché la sostenibilità guadagna sempre più terreno

Perché la sostenibilità guadagna sempre più terreno

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?