Febbraio 10, 2012

Cinzia Jannelli

Procedure più snelle per lo sviluppo del fotovoltaico

Mai come in questi mesi si è parlato di Europa e di differenze tra i singoli Paesi. E di differenze si parla anche nel rapporto del progetto PV Legal che ha sottolineato quanto lavoro sia stato fatto per velocizzare la burocrazia e incentivare lo sviluppo delle energie rinnovabili e in particolare il fotovoltaico ma quanto si debba ancora fare. Nei Paesi come Francia Grecia, Germania, Paesi Bassi e Portogallo i tempi necessari per espletare le procedure burocratiche si sono semplificate e velocizzate mentre sono ritenute ancora troppo lunghe in Spagna e in Italia.

Mai come in questi mesi si è parlato di Europa e di differenze tra i singoli Paesi. E di differenze si parla anche nel rapporto del progetto PV Legal che ha sottolineato quanto lavoro sia stato fatto per velocizzare la burocrazia e incentivare lo sviluppo delle energie rinnovabili e in particolare il fotovoltaico ma quanto si debba ancora fare. Nei Paesi come Francia Grecia, Germania, Paesi Bassi e Portogallo i tempi necessari per espletare le procedure burocratiche si sono semplificate e velocizzate mentre sono ritenute ancora troppo lunghe in Spagna e in Italia.

L'attivazione di procedure on-line, l'apertura di sportelli dedicati o la semplificazione delle procedure hanno consentito una diminuzione dei tempi di attesa. In Spagna, invece, occorrono 89 settimane per poter avviare un impianto fotovoltaico su tetto e non è molto diversa la situazione in Bulgaria e nel Regno Unito. Le procedure anche in Italia risultano ancora troppo lunghe e articolate e tutti i paesi europei vengono invitati a perseguire le linee guida dell'Unione Europea che auspicano il raggiungimento del 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili. Per poter raggiungere l'obiettivo è necessario che lo sviluppo delle tecnologie a supporto e l'installazione di impianti fotovoltaici non sia ostacolato da barriere amministrative. Pratiche amministrative troppo complesse, lungaggini delle procedure, interpretazione di norme poco chiare o costi eccessivi sono le difficoltà più segnalate e gli ostacoli che rallentano lo sviluppo dei progetti secondo i dati raccolti e analizzati dal rapporto. Ancora una volta viene sottolineato come la diminuzione dei costi amministrativi e una più proficua politica di investimenti potranno essere i giusti incentivi per stimolare la realizzazione di nuovi impianti per la produzione di energia "verde" e in particolare di impianti fotovoltaici.

 

Related Posts

Socomec SUNSYS HES L: l’accumulo outdoor e smart grid

Socomec SUNSYS HES L: l’accumulo outdoor e smart grid

SENEC commenta l’approvazione del DL Aiuti bis

SENEC commenta l’approvazione del DL Aiuti bis

Caro bollette ed elezioni 2022, la ricetta di Italia Solare

Caro bollette ed elezioni 2022, la ricetta di Italia Solare

Elezioni e transizione energetica, il parere di ANIE Rinnovabili

Elezioni e transizione energetica, il parere di ANIE Rinnovabili