Febbraio 19, 2012

Cinzia Jannelli

Comunicagame: il risparmio energetico è un gioco

Grazie alla collaborazione di Solarday, azienda lombarda produttrice di moduli fotovoltaici e Infoenergia la rete di sportelli per l’ambiente e l’energia della Provincia di Milano e di Monza e Brianza, è stato possibile avviare, per il secondo anno, il progetto Comunicagame per diffondere “giocando” la cultura del risparmio energetico.

Grazie alla collaborazione di Solarday, azienda lombarda produttrice di moduli fotovoltaici e Infoenergia la rete di sportelli per l’ambiente e l’energia della Provincia di Milano e di Monza e Brianza, è stato possibile avviare, per il secondo anno, il progetto Comunicagame per diffondere “giocando” la cultura del risparmio energetico.

Rivolto ai bambini delle classi IV e V elementare di sessanta comuni della Lombardia che hanno aderito all’iniziativa, Comunicagame è un gioco educativo che coinvolge anche i genitori nella conoscenza delle buone pratiche per un vero risparmio energetico e con parole semplici l’acquisizione dei concetti base del funzionamento di un sistema a pannelli solari. L’obiettivo del progetto è, quindi, diffondere la cultura del risparmio energetico e avvicinare bambini e genitori alle risorse rinnovabili per diffondere stili di vita sostenibili. Il lavoro di gruppo avviato con il team di Solarday ha permesso di realizzare un testo di accompagnamento al gioco in un linguaggio accessibile anche ai più piccoli per la comprensione del funzionamento della tecnologia fotovoltaica. Il progetto Comunicagame prevede due incontri: una prima giornata di gioco collettivo per approfondire le tematiche generali dell’efficienza energetica e un secondo incontro in classe, dove gli educatori ambientali di Infoenergia effettuano una valutazione in itinere dell’apprendimento da parte degli alunni tramite un gioco a quiz sui temi del risparmio energetico e presentano alcune dimostrazioni pratiche sul funzionamento delle tecnologie ad alta efficienza energetica. Al termine del secondo incontro, insieme a un “attestato energetico” che ha il valore di un premio, viene distribuito anche un questionario rivolto alle famiglie in modo da valutare quanto siano diffusi nelle case i comportamenti virtuosi e quali siano le richieste di approfondimento di queste tematiche, così da poter organizzare successivamente e su richiesta incontri mirati a tema in collaborazione con l’amministrazione comunale. Con lo stesso obiettivo, le famiglie hanno la possibilità di rivolgersi ad uno degli sportelli Infoenergia diffusi sul territorio provinciale di Milano e Monza e Brianza. Dopo il successo della precedente edizione che ha coinvolto circa 280 classi e oltre 5.800 alunni, l’iniziativa continua nell’intento di incuriosire i più piccoli al vasto mondo delle energie rinnovabili e di fornire qualche piccolo suggerimento perché la “cultura del risparmio energetico” parte anche da ogni piccola azione quotidiana.

 

Related Posts

Una stampante per celle solari dall’Australia

Una stampante per celle solari dall’Australia

Finanziamento da 77 milioni di euro per AES Solar

Finanziamento da 77 milioni di euro per AES Solar

Nanostampa per celle fotovoltaiche

Nanostampa per celle fotovoltaiche

GSE: regole applicative per il riconoscimento degli incentivi

GSE: regole applicative per il riconoscimento degli incentivi