Febbraio 21, 2012

Cinzia Jannelli

Il progetto Energie per il Sociale del GSE

Partecipare attivamente alla realizzazione di impianti fotovoltaici coinvolgendo Associazioni ed enti no profit è l’obiettivo del progetto  GSE. Energie per il sociale. Il progetto in concreto prevede l’installazione di impianti per la produzione di energia pulita presso strutture appartenenti a organizzazioni che operano nel sociale e viene realizzato in accordo con la filiera dell’industria e dei servizi che operano nell’ambito delle energie rinnovabili. Le aziende che aderiscono al progetto Corrente si impegneranno a fornire prodotti e servizi necessari alla realizzazione degli impianti.

Partecipare attivamente alla realizzazione di impianti fotovoltaici coinvolgendo Associazioni ed enti no profit è l’obiettivo del progetto  GSE. Energie per il sociale. Il progetto in concreto prevede l’installazione di impianti per la produzione di energia pulita presso strutture appartenenti a organizzazioni che operano nel sociale e viene realizzato in accordo con la filiera dell’industria e dei servizi che operano nell’ambito delle energie rinnovabili. Le aziende che aderiscono al progetto Corrente si impegneranno a fornire prodotti e servizi necessari alla realizzazione degli impianti.

Inoltre il progetto intende promuovere e facilitare lo sviluppo delle conoscenze delle persone appartenenti alle Associazioni no profit, beneficiari dei progetti di sviluppo delle energie rinnovabili, proposti dal GSE, favorendo il coinvolgimento diretto anche attraverso percorsi formativi specifici. La realizzazione di queste collaborazioni avranno una duplice valenza: una vantaggio per la sostenibilità ambientale e un sicuro ritorno dal punto di vista economico. Le Associazioni potranno utilizzare direttamente l’energia rinnovabile prodotta da impianti installati nei propri siti o immobili utilizzando le migliori tecnologie disponibili e nel caso la norma lo preveda accedere agli incentivi. Oltre alla riduzione di emissioni inquinanti, altri aspetti, di non secondaria importanza, saranno la possibilità di contenere i costi legati all’acquisto di energia e la possibilità di crescita professionale per i giovani delle comunità che potranno con un percorso formativo acquisire nuove competenze nell’ambito delle energie rinnovabili. Un primo passo è già avvenuto: è stato firmato il primo protocollo d’intesa tra il GSE, promotore del Progetto, Kinexia, importante realtà italiana attiva nei settori ambientali, delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica e l’Onlus Gruppo di Betania, struttura di accoglienza per adolescenti, giovani e famiglie con complesse situazioni familiari e sociali.

 

Related Posts

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?

Fotovoltaico obbligatorio, è davvero rateizzabile?