Maggio 30, 2012

Cinzia Jannelli

Gli sviluppi dei nuovi mercati dell’area Mena a Intersolar

A  Intersolar Europe, la manifestazione dedicata al solare che si svolgerà a Monaco dal 13 al 15 giugno 2012, si potranno approfondire le potenzialità di alcuni mercati futuri come quelli dell'area MENA (Vicino Oriente e Maghreb).  

Intersolar Europe, la manifestazione dedicata al solare che si svolgerà a Monaco dal 13 al 15 giugno 2012, si potranno approfondire le potenzialità di alcuni mercati futuri come quelli dell'area MENA (Vicino Oriente e Maghreb).

 

Come in molti mercati del globo, anche nei Paesi dell'area MENA, le prospettive per l'energia solare sono molto promettenti. In tali zone, lo sviluppo economico precede quello politico: mentre alcuni Paesi stanno attualmente lavorando a programmi di incentivazione per il futuro, il costo crescente dell'energia rende le energie rinnovabili già adesso sempre più interessanti dal punto di vista economico.
Il recente studio "Sunrise In the Desert" condotto da ESIA, l'Associazione degli industriali del solare degli Emirati Arabi Uniti, e dalla ditta di consulenze PriceWaterhouseCoopers (PwC) sintetizza egregiamente la situazione attuale: a partire da un prezzo del greggio di 80 US dollari, il fotovoltaico diventa concorrenziale con altre forme di produzione di corrente di natura fossile nella maggior parte dei Paesi in questione. Poiché i prezzi internazionali del greggio hanno superato da tempo la soglia dei 100 US dollari, in molte applicazioni il fotovoltaico risulta di gran lunga più vantaggioso già adesso. Impianti di produzione di corrente elettrica indipendenti dalla rete di distribuzione, ad esempio in località remote, sono ancora più efficienti e più economici se paragonati agli impianti allacciati alla rete. Le prospettive di crescita della regione nell'ambito dell'energia solare sono pertanto più che propizie.

Per quanto riguarda le politiche verso il fotovoltaico, a fronte del crescente fabbisogno di corrente elettrica determinato da un'economia in rapido sviluppo e da un tipo di industria che richiede enormi quantità di energia, l'area MENA dispone di tutte le potenzialità per diventare entro il 2025 uno dei mercati solari di punta come oggi Germania, Italia e USA. Inoltre, le centrali fotovoltaiche possono essere progettate e portate a termine molto più rapidamente rispetto ad altri tipi di centrali. L'energia solare può anche così fungere da fattore trainante di un economia in rapida crescita.
La politica ha nel frattempo compreso le possibilità offerte dall'energia solare per la regione e per l'approvvigionamento energetico del futuro: come confermato da Vahid Fotuhi, cofondatore e presidente della ESIA, Dubai e Arabia Saudita intendono infatti introdurre nei prossimi mesi direttive di ampia portata inerenti all'energia solare, seguiti nei prossimi 1-2 anni da Abu Dhabi, Giordania, Kuwait e da altri Paesi del MENA. Il Marocco ha già intrapreso la via del solare e ha fondato oltre un anno fa l'Agenzia per l'energia solare MASEN. L'entusiasmo che si avverte in relazione all'energia solare non sorprende Fotuhi: "Energia solare significa innanzitutto crescita economica per la regione. Da delle analisi è emerso che il prodotto interno lordo cresce di 600 milioni di dollari per ogni 100 megawatt di potenza installata".

 

Related Posts

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Transizione energetica e fotovoltaico: intervista a Christian Carraro di SolarEdge

Transizione energetica e fotovoltaico: intervista a Christian Carraro di SolarEdge

Sunlight Group, presentati i risultati finanziari H1 2022

Sunlight Group, presentati i risultati finanziari H1 2022