Gennaio 24, 2011

Francesco Ferrari

Le Dye-Sensitized Solar Cell

Tra le tecnologie a film sottile in fase di sviluppo, una particolarmente interessante e su cui si stanno concentrando molte ricerche è quella chiamata DSSC (Dye-Sensitized Solar Cell). I vantaggi principali di questa tecnologia consistono nella facilità di produzione e nei bassi costi, anche se l'efficienza non è ancora molto elevata rispetto ad altre soluzioni.

Tra le tecnologie a film sottile in fase di sviluppo, una particolarmente interessante e su cui si stanno concentrando molte ricerche è quella chiamata DSSC (Dye-Sensitized Solar Cell). I vantaggi principali di questa tecnologia consistono nella facilità di produzione e nei bassi costi, anche se l'efficienza non è ancora molto elevata rispetto ad altre soluzioni.

Queste celle sono note anche come celle fotoelettrochimiche, e si basano su un principio simile a quello della sintesi clorofilliana. Si tratta quindi di celle realizzate con composti organici e per questo motivo sono essenzialmente diverse da quelle basate su silicio. Dal punto di vista dell'efficienza, i valori massimi raggiungibili sono nell'ordine del 10-12%, quindi non ancora particolarmente elevati rispetto ad altre tecnologie, ma in crescita e comunque compensati dai bassi costi di produzione.

Tag

Related Posts

Qcells e Lumet per la metallizzazione delle celle solari

Qcells e Lumet per la metallizzazione delle celle solari

Agenzia Spaziale Europea, le nuove frontiere del fotovoltaico

Agenzia Spaziale Europea, le nuove frontiere del fotovoltaico

Quali metalli serviranno per la transizione energetica?

Quali metalli serviranno per la transizione energetica?

Birch Creek Energy ordina 547 MW di moduli First Solar

Birch Creek Energy ordina 547 MW di moduli First Solar