Settembre 2, 2011

Cristiano Sala

SolarWorld, pannelli di alta qualità

SolarWorld AG produce moduli FV nelle proprie sedi situate nell’Unione Europea e negli Stati Uniti. Nonostante si tratti di stabilimenti molto distanti tra loro, la produzione avviene rispettando gli standard ambientali e sociali imposti dalla legge e secondo un unico sistema di gestione della qualità.

SolarWorld AG produce moduli FV nelle proprie sedi situate nell’Unione Europea e negli Stati Uniti.

Nonostante si tratti di stabilimenti molto distanti tra loro, la produzione avviene rispettando gli standard ambientali e sociali imposti dalla legge e secondo un unico sistema di gestione della qualità.

I siti produttivi si trovano in Germania, a Freiberg, in Sassonia e negli Stati Uniti, a Hillsboro e Camarillo. I criteri costruttivi di questi moduli soddisfano le richieste del IV Conto Energia per ottenere il bonus UE.

Le normative recentemente presentate prevedono, per i moduli fotovoltaici, una quota di produzione di valore aggiunto nell’UE di almeno il 60% per poter ottenere un bonus remunerativo aggiuntivo del 10%. Nel caso dei moduli SolarWorld, questo valore risulta superiore al minimo imposto, inoltre, possono contare su una garanzia estesa di 10 anni, con effetto retroattivo dal 1° gennaio 2011. Inoltre, per tutti i moduli di qualità SolarWorld vale una garanzia lineare sulle prestazioni di 25 anni.

SolarWorld, pannelli di alta qualità

Per sottolineare la filosofia aziendale, il Dr. Ing. E. h. Frank Asbeck, CEO di SolarWorld AG, afferma: “Mentre altri scelgono la convenienza, noi produciamo in modo ecosostenibile e forniamo sempre la migliore qualità“.

Related Posts

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

SolarEdge Home a MCE 2022

SolarEdge Home a MCE 2022

BayWa r.e. a MCE: “Ripensa la tua energia, con noi”

BayWa r.e. a MCE: “Ripensa la tua energia, con noi”

Perché la sostenibilità guadagna sempre più terreno

Perché la sostenibilità guadagna sempre più terreno