Settembre 9, 2011

Cristiano Sala

GE, Hte Suisse e Pramac, verso una mobilità sostenibile

GE Industrial Solutions, Hte Suisse e Pramac hanno recentemente presentato una soluzione per una mobilità sostenibile, composta da una pensilina fotovoltaica per la ricarica dei veicoli elettrici.

GE Industrial Solutions, Hte Suisse e Pramac hanno recentemente presentato una soluzione per una mobilità sostenibile, composta da una pensilina fotovoltaica per la ricarica dei veicoli elettrici.

Nello specifico, questo progetto comprende una struttura con pannelli fotovoltaici Pramac Luce Micromorph MCPH P7 e una stazione di ricarica GE Industrial Solutions “DuraStation”, per la ricarica dei veicoli elettrici di prima generazione.

Questa soluzione presentata a Locarno viene proposta come strumento per la ricarica di vettura con emissioni zero e può essere utilizzata nei parcheggi di scambio, dalle pubbliche amministrazioni, dai produttori e rivenditori di auto elettriche e dalle società di noleggio.

GE, Hte Suisse e Pramac, verso una mobilità sostenibile

Nel dettaglio, la colonnina di ricarica DuraStation.

La colonnina di ricarica è in grado di garantire una ricarica veloce del mezzo, grazie all’utilizzo di componentistica all’avanguardia e all’erogazione di tensioni e correnti elevate. La stazione “DuraStation” è costruita in acciaio inox e consente la ricarica in 1 -2 ore, invece delle consuete 6 – 8 ore, ipotizzando un assorbimento di 32 A a 400 V con una batteria da 24 kWh. Il connettore utilizzato risponde agli standard europei di ricarica ed è dotato di meccanismo di interblocco. Un LED dedicato segnala, tramite tre differenti colorazioni, lo stato del sistema, indicando eventuali anomalie o l’avvenuta ricarica. L’identificazione a radiofrequenza (RFID) permette agli utenti, possessori di apposita smartcard, di procedere alla ricarica. Il software EV 100 gestisce i profili dei guidatori, registra le transazioni di ricarica e verifica lo stato della comunicazione lavorando su di un host locale e collegando la stazione di ricarica via Ethernet TCP/IP.

Per l’installazione della pensilina e della colonna non servono opere murarie, fondamenta o plinti. Il sistema è pronto per operare immediatamente, grazie ai 16 moduli installati, per una potenza di 2,000 kW per ciascun posto auto.

Related Posts

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Dove va il mercato fotovoltaico? Il punto con Alessandro Barin, CEO FuturaSun

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

Moduli a film sottile prodotti in modo responsabile

SolarEdge Home a MCE 2022

SolarEdge Home a MCE 2022

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia

Iberdrola avvia il suo primo impianto fotovoltaico in Italia