Gennaio 12, 2012

Cinzia Jannelli

Anie/Gifi l’aumento del prezzo kWh elettrico non è imputabile al fotovoltaico

Secondo la dichiarazione di Valerio Natalizia, presidente di Gifi-Anie l’aumento del prezzo dell’energia elettrica previsto per il primo trimestre del 2012 non può essere imputato agli incentivi erogati a sostegno dell’industria fotovoltaica in Italia. Dall’analisi condotta da Anie–Gifi sui dati forniti dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) l’aumento previsto dal1°gennaio comporterà una spesa annua per ogni famiglia di circa 470 euro.

Secondo la dichiarazione di Valerio Natalizia, presidente di Gifi-Anie l’aumento del prezzo dell’energia elettrica previsto per il primo trimestre del 2012 non può essere imputato agli incentivi erogati a sostegno dell’industria fotovoltaica in Italia. Dall’analisi condotta da Anie–Gifi sui dati forniti dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) l’aumento previsto dal1°gennaio comporterà una spesa annua per ogni famiglia di circa 470 euro.

“Dal 1° gennaio 2012, il prezzo di riferimento dell'energia elettrica sarà 17,305 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse. La spesa media annua della famiglia tipo sarà pari a 467 euro dei quali 32 euro saranno impegnati per incentivare il fotovoltaico. Le previsioni di aumento di spesa non sono mai notizie piacevoli – Ha affermato Natalizia. Recenti indagini e sondaggi condotti da istituti indipendenti hanno però dimostrato che le famiglie italiane sono positivamente disposte a dare il loro contributo, circa 2.7 euro al mese, per sostenere un industria che fino ad oggi ha creato oltre 100.000 posti di lavoro diretti e indotti occupati per lo più da giovani, fatto affluire circa 4 miliardi di euro di tasse nelle casse dello Statononché posizionato l'Italia come il primo mercato al mondo nel 2011. Tutto questo senza dimenticare le enormi ricadute ambientali in termini di riduzione di emissioni nocive grazie all'utilizzo di una fonte di energia pulita come il solare fotovoltaico.” Secondo i calcoli effettuati da Anie/Gifi l’aumento stabilito del 4,9% del kilowattora, rispetto all’ultimo trimestre del 2011, è imputabile al fotovoltaico per meno del 30%, a fronte di circa 70% imputabile alla variazione del costo dei combustibili fossili. “Ci appare pertanto strumentale – argomenta Natalizia – attribuire al solo fotovoltaico la responsabilità degli aumenti del costo dell'elettricità intervenuti a gennaio. Parimenti strumentale ci appare il tentativo di demonizzare le installazioni su terreni agricoli visto che ad oggi, secondo un'analisi di ANIE/GIFI, la superficie occupata dagli impianti fotovoltaici ammonta allo 0.12% della SAU (Superficie Agricola Utilizzata) stimata dall'Istat nel 2011. Inoltre il Decreto Rinnovabili di marzo 2011 ha introdotto sensibili limitazioni alla realizzazione di grandi impianti in tali aree. Ricordo infine che l'utilizzo della tecnologia fotovoltaica – conclude Natalizia – ha contribuito nel 2011 alla copertura del 3% circa della domanda nazionale di energia elettrica, evitando i costi per l'importazione dall'estero e rendendo il nostro paese meno dipendente dai precari equilibri geopolitici mondiali.

Related Posts

Enphase, il fotovoltaico contro il caro bollette

Enphase, il fotovoltaico contro il caro bollette

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

First Solar sceglie l’Alabama per la quarta fabbrica in USA

First Solar sceglie l’Alabama per la quarta fabbrica in USA

Green Horse ha curato per Iren l’acquisto di un progetto fotovoltaico

Green Horse ha curato per Iren l’acquisto di un progetto fotovoltaico