Maggio 8, 2012

Francesco Ferrari

Al via l’Italian PV Summit 2012

Il PV Summit è un momento molto interessante per fare il punto sulle principali tematiche legate al fotovoltaico visto anche il livello dei relatori. Paolo Frankl, capo della divisione Energie Rinnovabili dell’International Energy Agency (IEA), ha aperto i lavori di questa edizione sottolineando come quest’anno il summit si svolga in un delicato momento di transizione per tutto il settore del fotovoltaico a livello mondiale, settore che sta procedendo speditamente verso la grid parity.

Il PV Summit è un momento molto interessante per fare il punto sulle principali tematiche legate al fotovoltaico visto anche il livello dei relatori. Paolo Frankl, capo della divisione Energie Rinnovabili dell’International Energy Agency (IEA), ha aperto i lavori di questa edizione sottolineando come quest’anno il summit si svolga in un delicato momento di transizione per tutto il settore del fotovoltaico a livello mondiale, settore che sta procedendo speditamente verso la grid parity.

Il tema di questa edizione dei Italian PV Summit è appunto la “roadmap to grid parity” e, fra i diversi interventi della prima giornata di lavori, Stefan De Haan, analista di IHS, ha delineato nel suo intervento un quadro molto efficace dello stato attuale del mercato del fotovoltaico e delle previsioni sul suo futuro.

Malgrado le modifiche legislative in diversi Paesi per quanto riguarda gli incentivi, come per esempio in Italia e Germania, e la drammatica erosione di prezzi, le stime per il mercato nel 2012 sono comunque positive, al punto da far ipotizzare un mercato da 26,9 GW. In particolare in Germania, il cambio di normative per gli incentivi non dovrebbe provocare il temuto crollo del mercato e, anzi, le stime fornite da De Haan, prevedono dei volumi analoghi a quelli dei due anni precedenti, con circa 6,9 GW, soprattutto nella seconda metà del 2012. Ad avvicinare però l’arrivo della grid parity, anche in alcuni segmenti del mercato italiano, potrebbe essere un’accelerazione del mercato relativo all’edilizia residenziale e il notevole abbassamento dei prezzi che ha interessato tutta la supply chain.

Per il mercato del nostro Paese è prevista comunque una riduzione nel 2012, rispetto agli ottimi risultati avuti nel 2011, con circa 2,5 GW di potenza installata, e in generale il mercato europeo è visto in discesa. Paesi come Cina, USA,India e Giappone contribuiranno però a riallineare il mercato mondiale per arrivare, secondo i dati di De Haan, anche a raggiungere i 33,9 GW a livello mondiale nella migliore delle ipotesi.

Per quanto riguarda la discesa dei prezzi, i dati presentati dall’analista di IHS prevedono dei valori inferiori ai 0,6 euro/W per i moduli (prezzo sul mercato tedesco dei moduli cristallini), mentre per i wafer, dopo la notevole riduzione nel secondo e quarto trimestre 2011, si prevede che si stabilizzeranno nel 2012.

De Haan ha precisato, infine , che il panorama competitivo cambierà sensibilmente il prossimo anno.

Il PV Summit è stata anche l’occasione per presentare la Global Solar Alliance (GSA), una iniziativa per costruire una rete globale di eventi specialistici e conferenze tecnico-scientifiche per la crescita del solare. L’accordo fra Solarexpo, SNEC PV Power Expo (Cina) e Solar Power International  (USA) permette di raggiungere complessivamente i 500.000 metri quadri espositivi, 5.000 espositori e 300.000 visitatori.

Luca Zingale, Ceo e direttore scientifico di Solarexpo ha dichiarato:” Oggi una rete globale esiste nel concreto e punta a diventare un’effettiva piattaforma di confronto per armonizzare la crescita dei mercati del solare più maturi, dall’Europa alla Cina. E allo stesso tempo, attraverso un’adesione ampia e mirata e nuove iniziative su scala locale, agirà come un potente catalizzatore per lo sviluppo di mercati nuovi ed emergenti per le tecnologie del solare.”

 

 

Related Posts

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Caro bollette: il futuro è nel digital e nell’utility manager

Caro bollette: il futuro è nel digital e nell’utility manager

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Per Italia Solare l’emissione fatture extraprofitti non va

Elmec Solar svela le potenzialità delle comunità energetiche

Elmec Solar svela le potenzialità delle comunità energetiche