Giugno 7, 2012

Cristiano Sala

Sharp, celle a concentrazione da record

Sharp Corporation ha raggiunto nuovi traguardi, realizzando nuove celle solari capaci di abbattere il precedente record per quanto riguarda il coefficiente di conversione. Le attuali unità raggiungono il 43,5%, sfruttando una struttura a tripla giunzione e un insieme di lenti che convogliano la luce direttamente sulle celle.

Sharp Corporation ha raggiunto nuovi traguardi, realizzando nuove celle solari capaci di abbattere il precedente record per quanto riguarda il coefficiente di conversione. Le attuali unità raggiungono il 43,5%, sfruttando una struttura a tripla giunzione e un insieme di lenti che convogliano la luce direttamente sulle celle.Gli strati foto-assorbenti sono stati generati sfruttando più elementi, tra i quali l’indio e il gallio, per il raggiungimento di una struttura a tre layer che prevede la sovrapposizione di più livelli e uno strato composto da InGaAs (arseniuro di indio e gallio) come componente inferiore.
Per incrementare l’efficienza, a livello costruttivo si è scelto di ottimizzare la spaziatura tra gli elettrodi sulla superficie del concentratore e ridurre la resistenza elettrica della cella.
Per la loro elevata efficienza di conversione, le celle solari composte sono state utilizzate principalmente sui satelliti spaziali. L’obiettivo di Sharp è quello di applicare questo nuovo record nei sistemi fotovoltaici a concentrazione, al fine di generare elettricità utilizzando celle solare adatte a piccole superfici, per renderle più pratiche per l’uso comune.

Related Posts

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Il modulo fotovoltaico SolarEdge Smart 375 W premiato da Altroconsumo

Macchine battipalo, Mortenson sceglie Orteco

Macchine battipalo, Mortenson sceglie Orteco

VP Solar e Jinko Solar, partner per l’innovazione tecnologica

VP Solar e Jinko Solar, partner per l’innovazione tecnologica

FuturaSun illustra il futuro del fotovoltaico alla WCPEC

FuturaSun illustra il futuro del fotovoltaico alla WCPEC