Luglio 23, 2012

Giovanni Corti

I moduli Canadian Solar sono privi dell’effetto PID

Canadian Solar è tra le prime aziende ad aver superato i test di resistenza a elevati voltaggi. L’Istituto Fotovoltaico di Berlino (PI) ha effettuato le prove sulla serie di moduli CS6-poly mentre il Laboratorio PV Evolution ha valutato le linee CS5-mono e CS6-poly.

Canadian Solar è tra le prime aziende ad aver superato i test di resistenza a elevati voltaggi. L’Istituto Fotovoltaico di Berlino (PI) ha effettuato le prove sulla serie di moduli CS6-poly mentre il Laboratorio PV Evolution ha valutato le linee CS5-mono e CS6-poly. Entrambi i test misurano la sensibilità dei parametri di potenza dei moduli all’esposizione a un alto voltaggio, denominati Potential Induced Degradation (PID).

In linea con gli standard della certificazione fissati dal PI di Berlino, TÜV Rhineland e il VDE (Associazione per l’Elettronica, l’Elettricità e le Tecnologie Informatiche) i moduli di Canadian Solar sono stati esposti a una tensione negativa di 1.000 volt. Nel corso delle prove, la parte frontale dei moduli a terra viene ricoperta da un foglio di alluminio o da uno strato di acqua e le prestazioni, prima e dopo i test, sono misurate da un flasher in condizioni standard (STC). Le performance dei moduli di Canadian Solar hanno raggiunto il 98% anche dopo il test di resistenza. L’azienda canadese ha voluto sottoporsi alle prove del PI di Berlino per certificare un raddoppiato tempo standard di stress come garanzia della qualità finale. Tutti i moduli di Canadian Solar hanno dimostrato minime degradazioni durante il test di invecchiamento supplementare e i risultati ottenuti posizionano le serie di moduli nelle prime posizioni della Classe A della certificazione PID dell’Istituto Fotovoltaico di Berlino.

“Questi test sono importanti per orientare le scelte dei nostri consumatori e i nuovi risultati dimostrano che i nostri moduli hanno una elevata qualità”, dichiara il Dr. Shawn Qu, Chairman e CEO di Canadian Solar. “I nostri prodotti sono tra i più avanzati sul mercato in termini di qualità e questo dipende dai continui investimenti in ricerca e sviluppo”.

Di recente, i test Potential Induced Degradation (PID) hanno attirato l’attenzione dell’industria fotovoltaica che al momento non prevede standard di settore. Canadian Solar e il Laboratorio PV Evolution hanno sviluppato una metodologia da applicare ai test per promuovere attivamente lo sviluppo del PID presso la Commissione Internazionale di Elettrotecnica (IEC). Il metodo PID utilizzato dal PI di Berlino è stato sviluppato da TÜV Rhineland, dal PI di Berlino, dal VDE e dall’Istituto Fraunhofer per Solar Energy Systems ISE in collaborazione con altre importanti aziende solari.

Related Posts

Transizione energetica, BayWa r.e. per un progetto solare innovativo

Transizione energetica, BayWa r.e. per un progetto solare innovativo

VP Solar e Jinko Solar, partner per l’innovazione tecnologica

VP Solar e Jinko Solar, partner per l’innovazione tecnologica

Consumi e costo dell’energia, i consigli di SENEC

Consumi e costo dell’energia, i consigli di SENEC

Bluetti EP600, energy storage modulare

Bluetti EP600, energy storage modulare