Gennaio 14, 2013

Sofia Prada

Usa, la diffusione del fotovoltaico dipende anche dai social network

Secondo una ricerca delle Università di Yale e di New York, Facebook, Twitter e gli altri social network avrebbero un ruolo determinante non solo nelle abitudini e nei gusti degli utenti, ma anche nella diffusione dell’energia solare.

Secondo una ricerca delle Università di Yale e di New York, Facebook, Twitter e gli altri social network avrebbero un ruolo determinante non solo nelle abitudini e nei gusti degli utenti, ma anche nella diffusione dell’energia solare.

Dallo studio si evince che le informazioni diffuse attraverso le piattaforme social, infatti, hanno contribuito alla diffusione del fotovoltaico per quasi l’1%.
Nonostante ciò, gli americani non sono ancora riusciti a comprendere che le energie rinnovabili rappresentano in primis una possibile soluzione ad alcuni problemi ambientali, nonché un valido aiuto nel risparmio energetico per aziende e famiglie.
Secondo gli esperti, dunque, è proprio questa la questione sulla quale insistere e i social network potrebbero giocare un ruolo sempre più importante.

 

Tag

Related Posts

Terna: con l’ora legale circa 90 milioni di euro di risparmi

Terna: con l’ora legale circa 90 milioni di euro di risparmi

DSV: energia 100% rinnovabile per la sostenibilità

DSV: energia 100% rinnovabile per la sostenibilità

EDP installerà pannelli solari sui tetti di Decathlon

EDP installerà pannelli solari sui tetti di Decathlon

Monza, riqualificazione di successo di un condominio anni ’80

Monza, riqualificazione di successo di un condominio anni ’80