Agosto 19, 2010

Francesco Ferrari

L’energia fotovoltaica sul territorio

Il recente rapporto del GSE ha fotografato al 31 dicembre 2009 la distribuzione degli impianti di produzione in Italia, e l'analisi di questi dati statistici offre spunti interessanti, specie se confrontati con quelli dell'anno precedente.

Il recente rapporto del GSE ha fotografato al 31 dicembre 2009 la distribuzione degli impianti di produzione in Italia, e l'analisi di questi dati statistici offre spunti interessanti, specie se confrontati con quelli dell'anno precedente.

Per esempio , sembra che il mercato italiano prediliga i pannelli costruiti con silicio policristallino. In base ai dati rilevati dal GSE, infatti, i pannelli basati sui silicio policristallino sono quelli che riscuotono il maggiore successo in numerose regioni italiane. I pannelli con silicio monocristallino comunque sono ampiamente la scelta alternativa, mentre i valori dei pannelli a film sottile sono ancora molto limitati, tranne che Veneto dove arrivano al 15%. Dal punto di vista della distribuzione regionale, infatti, la Campania ha utilizzato nel 72% degli impianti pannelli con silicio policristallino, nel 27% quelli con silicio monocristallino e solo per l'1% i pannelli a film sottile. Regioni come il Molise e la Valle d'Aosta, invece, vanno in controtendenza preferendo pannelli con silicio monocristallino.

Mediamente in Italia gli impianti sono realizzati con pannelli con silicio policristallino nel 55% dei casi, mentre quelli con silicio monocristallino costituiscono il 37% e il rimanente 8% resta a quelli con film sottile.
 

Tag

Related Posts

EDP Renewables si aggiudica 100MW all’ultima asta GSE

EDP Renewables si aggiudica 100MW all’ultima asta GSE

Segugio.it: fine del mercato tutelato anche per la luce

Segugio.it: fine del mercato tutelato anche per la luce

Oltre 1,5 milioni gli impianti fotovoltaici attivi in Italia

Oltre 1,5 milioni gli impianti fotovoltaici attivi in Italia

Le rinnovabili in 9 mesi del 2023 pari a quelle del 2022

Le rinnovabili in 9 mesi del 2023 pari a quelle del 2022