Marzo 3, 2012

Cinzia Jannelli

ReMedia: per aderire alla normativa per il riciclo dei pannelli

Secondo quanto stabilito dal’art. 11.6(a) del decreto ministeriale 5 maggio 2011, il cosiddetto IV Conto Energia, per poter assicurare l’accesso agli incentivi, le aziende produttrici di pannelli solari dovranno aderire entro il 30 giugno 2012 a un consorzio che garantisca il corretto riciclo dei moduli fotovoltaici. Una particolare attenzione allo smaltimento dei moduli fotovoltaici è stata sottolineata dall’Unione Europea, con la revisione della direttiva sui RAEE, che ha inserito questa tipologia di apparecchi a fine vita nella categoria 4 dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Secondo quanto stabilito dal’art. 11.6(a) del decreto ministeriale 5 maggio 2011, il cosiddetto IV Conto Energia, per poter assicurare l’accesso agli incentivi, le aziende produttrici di pannelli solari dovranno aderire entro il 30 giugno 2012 a un consorzio che garantisca il corretto riciclo dei moduli fotovoltaici. Una particolare attenzione allo smaltimento dei moduli fotovoltaici è stata sottolineata dall’Unione Europea, con la revisione della direttiva sui RAEE, che ha inserito questa tipologia di apparecchi a fine vita nella categoria 4 dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Per rispettare la normativa è possibile aderire a ReMedia, un sistema per la gestione eco-sostenibile di tutti i RAEE, delle pile e accumulatori esausti, che è strutturato per svolgere anche attività di raccolta, trattamento e riciclo di tutte le componenti degli impianti fotovoltaici, compresi i moduli, attraverso lo stesso network che viene già utilizzato per i RAEE dalle oltre 1.000 aziende aderenti al Consorzio. Aderendo a ReMedia il produttore o importatore di moduli fotovoltaici, è subito in regola con quanto stabilito dal decreto del 5 maggio 2011 per poter accedere agli incentivi e, contemporaneamente, sarà già in regola anche con la direttiva RAEE quando questa entreràin vigore per i moduli fotovoltaici. “I provvedimenti normativi riflettono l’importanza di avviare a un corretto riciclo i pannelli fotovoltaici a fine vita, sia in chiave presente sia futura. In particolare in Italia, nel gennaio 2012, sono stati superati i 330.000 impianti in esercizio con una crescita in due anni in termini di numerosita’ degli impianti del 450%. Questo andamento ha posizionato, inoltre, il nostro Paese al primo posto nella graduatoria mondiale per potenza entrata in esercizio nel 2011”, spiega Danilo Bonato, direttore generale di ReMedia. “Con questi numeri, dopo aver generato energia rinnovabile, il fotovoltaico puo’ portare un beneficio all’ambiente anche a fine vita: dagli impianti fotovoltaici si possono ricavare ad esempio vetro, alluminio, ma sono importanti soprattutto indio, gallio, selenide, a rischio di esaurimento per la richiesta esponenziale. La soluzione? In prospettiva, un recupero di questi materiali su larga scala consentirà di poter attingere a una miniera urbana di materie prime seconde, riducendo le emissioni di CO2 e il consumo di energia”.

Related Posts

Scout ordina 378 MW di moduli fotovoltaici a First Solar

Scout ordina 378 MW di moduli fotovoltaici a First Solar

Il Decreto Taglia prezzi impatta sui ricavi

Il Decreto Taglia prezzi impatta sui ricavi

FuturaSun, moduli fotovoltaici SILK Plus All Black

FuturaSun, moduli fotovoltaici SILK Plus All Black

Moduli fotovoltaici FuturaSun per l’impianto da 650 kWp dell’Ovattificio Alpino

Moduli fotovoltaici FuturaSun per l’impianto da 650 kWp dell’Ovattificio Alpino