Novembre 5, 2012

Giovanni Corti

I moduli Suntech primeggiano nel test indipendente PID VDE certifica l’elevata resistenza dei moduli Suntech alla degradazione indotta da potenziale (PID)

Suntech annuncia che i test condotti dalla VDE (Verband der Elektrotechnik und Elektronik), uno dei più importanti istituti indipendenti di test e certificazione, hanno dimostrato l’elevata resistenza alla degradazione indotta da potenziale (PID) dei moduli Suntech policristallini e monocristallini delle serie Wd, e policristallini della serie Ve.

Suntech annuncia che i test condotti dalla VDE (Verband der Elektrotechnik und Elektronik), uno dei più importanti istituti indipendenti di test e certificazione, hanno dimostrato l’elevata resistenza alla degradazione indotta da potenziale (PID) dei moduli Suntech policristallini e monocristallini delle serie Wd, e policristallini della serie Ve.

Secondo il report finale redatto da VDE, i moduli Suntech “non presentano una degradazione significativa al termine della sequenza di test”, con una variazione irrilevante di potenza compresa nell’intervallo dell’accuratezza misurata nel test di laboratorio, e nessuna variazione visibile.

“Questo risultato, che rasenta la perfezione, è conforme alle nostre aspettative di qualità,” ha detto Stefan Jarnason, Technical Director di Suntech Power Australia e tra i maggiori esperti al mondo nei test di affidabilità dei moduli. “In un mercato globale estremamente competitivo, Suntech rimane concentrata sull’impegno di offrire ai suoi clienti contributi concreti per il raggiungimento di un ulteriore abbassamento del costo di produzione dell’energia (Levelized Cost Of Energy) e un rendimento energetico di lungo periodo piuttosto che il semplice abbassamento dei prezzi.”

La rigorosa sequenza del test PID, basata su un protocollo stabilito da TÜV Rhineland, inizia con il flash-testing dei moduli per determinare le caratteristiche della loro performance elettrica e con un test di elettroluminascenza (EL imaging). Successivamente i moduli sono sottoposti a elevata umidità e a un potenziale negativo di 1000 Volt per una settimana. Infine i moduli vengono nuovamente testati per la performance elettrica e per la presenza di eventuali difetti visibili con l’EL imaging.

I sistemi fotovoltaici operano spesso in condizioni ambientali difficili, capaci di sottoporre i moduli a forti stress e di accelerarne la degradazione. Suntech riduce significativamente i rischi di performance associati al PID, attraverso processi di selezione dei materiali, di produzione e di controllo della qualità estremamente accurati e rigorosi.

Related Posts

Sistemi fotovoltaici tridimensionali, le sculture Dynamo

Sistemi fotovoltaici tridimensionali, le sculture Dynamo

Fotovoltaico e ricerca: SENEC con Unisalento e CNR Nanotec

Fotovoltaico e ricerca: SENEC con Unisalento e CNR Nanotec

Internet of Trees: Avnet Silica – Dryad per prevenire gli incendi boschivi

Internet of Trees: Avnet Silica – Dryad per prevenire gli incendi boschivi

Otovo Solar Index Italy: Roma e Milano le più ‘solari’

Otovo Solar Index Italy: Roma e Milano le più ‘solari’