Novembre 6, 2011

Francesco Ferrari

A Isernia la prima smart grid italiana

Enel Distribuzione ha annunciato l'avvio nella zona di Isernia dalla prima installazione di una smart grid per regolare il flusso di energia bidirezionale derivante da fonti rinnovabili.

Enel Distribuzione ha annunciato l'avvio nella zona di Isernia dalla prima installazione di una smart grid per regolare il flusso di energia bidirezionale derivante da fonti rinnovabili.

Questa realizzazione consentirà di regolare in modo ottimale il flusso bidirezionale di energia elettrica legato alla produzione da parte di fonti rinnovabili sulle reti di bassa e media tensione. La sempre maggiore diffusione della generazione distribuita di energia che, essendo per la maggior parte ottenuta da fonti rinnovabili, è infatti soggetta a fluttuazioni aleatorie dovute a aspetti come le condizioni meteorologiche o l’alternarsi della notte e del giorno.

Il pilota fa parte delle iniziative sperimentali che Enel sta portando avanti nell’ambito delle smart grid, incentivato anche dalla Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) che sostiene lo sviluppo delle nuove tecnologie sulla rete elettrica italiana. Il progetto, si legge nel comunicato dell'azienda, coinvolgerà alcune migliaia di clienti.

Faranno pare della smart grid pilota i sistemi di previsione sulla produzione di energia da fonti rinnovabili, i sensori per il monitoraggio avanzato delle grandezze elettriche di rete e uno storage basato sulla tecnologia delle batterie agli ioni di litio, della potenza di 0,7MW (0,5 MWh), per la modulazione dei flussi di energia, realizzato da Siemens su specifica Enel. Faranno parte del sistema anche le colonnine per la ricarica di vetture elettriche, ma anche apparati domestici per consentire ai clienti di verificare istantaneamente l’andamento dei consumi. È prevista, inoltre, l'interazione con i produttori per la regolazione avanzata dei flussi sulla rete.

Enel ha in atto un piano decennale di ristrutturazione dell’intera rete di distribuzione (oltre 1 milione di chilometri) coordinato con i programmi per la diffusione delle smart grid avviato dalla Commissione Europea.

Tag

Related Posts

Qcells e Lumet per la metallizzazione delle celle solari

Qcells e Lumet per la metallizzazione delle celle solari

Agenzia Spaziale Europea, le nuove frontiere del fotovoltaico

Agenzia Spaziale Europea, le nuove frontiere del fotovoltaico

Quali metalli serviranno per la transizione energetica?

Quali metalli serviranno per la transizione energetica?

Birch Creek Energy ordina 547 MW di moduli First Solar

Birch Creek Energy ordina 547 MW di moduli First Solar