Febbraio 8, 2012

Cinzia Jannelli

Apre il Laboratorio per le Nanotecnologie e le Nanoscienze (SNN-Lab) dell’Università la Sapienza di Roma

Destinato a diventare un punto di riferimento della ricerca di innovazione tecnologica, il Laboratorio per le Nanotecnologie e le Nanoscienze (SNN-Lab) dell’Università la Sapienza di Roma sarà inaugurato a giorni. Il laboratorio, realizzato con fondi dell’Università, è dotato di strumentazioni d’avanguardia, a livello internazionale, e punterà sulla ricerca nell’ambito di soluzioni tecnologiche nei diversi settori con la ricerca di materiali e applicazioni.

Destinato a diventare un punto di riferimento della ricerca di innovazione tecnologica, il Laboratorio per le Nanotecnologie e le Nanoscienze (SNN-Lab) dell’Università la Sapienza di Roma sarà inaugurato a giorni. Il laboratorio, realizzato con fondi dell’Università, è dotato di strumentazioni d’avanguardia, a livello internazionale, e punterà sulla ricerca nell’ambito di soluzioni tecnologiche nei diversi settori con la ricerca di materiali e applicazioni.

Tra i settori di particolare interesse il fotovoltaico e la mobilità sostenibile con la realizzazioni di nuovi materiali più efficienti come i vetri con cellule fotovoltaiche integrate o batterie per telefonini più sicure ed ancora pneumatici intelligenti. “In questa struttura – sostiene la docente Maria Sabrina Sarto, responsabile del laboratorio – si potrà fare ricerca e studiare applicazioni, in un’ottica di filiera, in numerosi ambiti: dalle nanostrutture e i micro/nano dispositivi per l’elettronica e la fotonica (batterie al litio più potenti e sicure per telefonini e auto elettriche, cellule fotovoltaiche integrate nei vetri delle finestre per case ecosostenibili), ai nanomateriali e alle superfici multifunzionali intelligenti per applicazioni industriali (pneumatici destinati a mandare in pensione l’ABS). La ricerca si estende anche all’ambito della salute, con la piattaforma di genomica e bioinformatica (per il sequenziamento del DNA e dell’intero genoma) che ha come referente Alberto Gulino, responsabile del Centro di Genomica e Bioinformatica.”

 

Tag

Related Posts

Agenzia Spaziale Europea, le nuove frontiere del fotovoltaico

Agenzia Spaziale Europea, le nuove frontiere del fotovoltaico

Quali metalli serviranno per la transizione energetica?

Quali metalli serviranno per la transizione energetica?

Birch Creek Energy ordina 547 MW di moduli First Solar

Birch Creek Energy ordina 547 MW di moduli First Solar

MN8 Energy ordina 457 MW di moduli solari a First Solar

MN8 Energy ordina 457 MW di moduli solari a First Solar