Dicembre 14, 2012

Cristiano Sala

La Cina finanzia le proprie aziende fotovoltaiche

Per contrastare i dazi compensativi applicati dagli Stati Uniti sui prodotti cinesi, Pechino ha scelto di aumentare le sovvenzioni per l’industria fotovoltaica interna.

Per contrastare i dazi compensativi applicati dagli Stati Uniti sui prodotti cinesi, Pechino ha scelto di aumentare le sovvenzioni per l’industria fotovoltaica interna.

Dunque, pur temendo l’estensione dei dazi anche al di fuori degli States, in particolar modo in Europa, la Cina ha rinnovato il programma economico per le aziende del territorio, stanziando circa 1,1 miliardi di Dollari per mantenere operative e competitive le realtà locali.
Come risultato, le quotazioni di società cinesi, come JinkoSolar, Suntech Power, Trina Solar e Yingli Green Energy sono state registrate al rialzo sul mercato statunitense. Secondo alcuni analisti si tratta di un tentativo per sostituire il calo delle esportazioni incrementando vendite sul mercato interno, riducendo prezzi e margini di guadagno.

 

Related Posts

Autodromo di Imola, il crowdfunding per il revamping fotovoltaico

Autodromo di Imola, il crowdfunding per il revamping fotovoltaico

Fotovoltaico, VP Solar Academy prende il via il 27 settembre

Fotovoltaico, VP Solar Academy prende il via il 27 settembre

Costo energia, per ANIE a rischio elettrotecnica ed elettronica

Costo energia, per ANIE a rischio elettrotecnica ed elettronica

Elezioni e transizione energetica, il parere di ANIE Rinnovabili

Elezioni e transizione energetica, il parere di ANIE Rinnovabili