Agosto 30, 2013

Cristiano Sala

Antidumping UE-Cina, le aziende cinesi avrebbero ricevuto aiuti fiscali

Le indagini in corso da parte della Commissione europea in merito al mercato fotovoltaico e ai prodotti importati dalla Cina si è conclusa. Il percorso di analisi iniziato a novembre 2012 è terminato e ha permesso di verificare che i produttori cinesi avrebbero avuto accesso a prestiti preferenziali e differenti aiuti per lo svolgimento delle attività.

Le indagini in corso da parte della Commissione europea in merito al mercato fotovoltaico e ai prodotti importati dalla Cina si è conclusa. Il percorso di analisi iniziato a novembre 2012 è terminato e ha permesso di verificare che i produttori cinesi avrebbero avuto accesso a prestiti preferenziali e differenti aiuti per lo svolgimento delle attività.

I produttori di pannelli, moduli e celle avrebbero perciò goduto di programmi fiscali dedicati e si sarebbero avvantaggiati in modo sleale, rispetto ai competitor europei.
In base a quanto stabilito sembra sempre più probabile la stabilizzazione dei dazi imposti dall’UE, particolarmente controversi ma pensati per stabilizzare il mercato.
A seguito delle indagini, sono già attivi dal 6 di agosto 2013 una serie di misure antidumping che contemplano un prezzo minimo e un determinato volume nell’importazione dei pannelli solari di fabbricazione cinese.

Tag

Related Posts

FuturaSun e Top Brand PV 2024 per i moduli fotovoltaici

FuturaSun e Top Brand PV 2024 per i moduli fotovoltaici

FuturaSun: le caratteristiche che i moduli devono avere

FuturaSun: le caratteristiche che i moduli devono avere

Comunità energetiche: lo scenario e le normative

Comunità energetiche: lo scenario e le normative

AEROCOMPACT presenta i nuovi ganci per i tetti a tegole

AEROCOMPACT presenta i nuovi ganci per i tetti a tegole